Ufficiale: FCA condannata per corruzione

In FCA sono state condannate 15 persone
FCA
FCA

La fusione che ha formato Stellantis a gennaio ha creato la quarta casa automobilistica più grande del mondo, ma non ha cancellato uno scandalo che ha visto milioni di dollari in pagamenti proibiti e lauti chicche fluire dagli ex dirigenti di FCA ai funzionari della UAW.

Il braccio operativo statunitense della società, formalmente noto come FCA US e membro delle case automobilistiche Detroit Three, è stato condannato martedì a pagare 30 milioni di dollari e a sottoporsi a un monitoraggio della conformità per tre anni per il suo ruolo nello scandalo durato anni, secondo i pubblici ministeri.

FCA, che sarà in libertà vigilata per tre anni ma non dovrà pagare il risarcimento, si è dichiarata colpevole a marzo per un’accusa di cospirazione per aver violato la legge sui rapporti di gestione del lavoro. L’assistente procuratore degli Stati Uniti Erin Shaw ha detto al giudice Paul Borman durante la sentenza a Detroit tramite Zoom che la dichiarazione di colpevolezza della società per un crimine è significativa perché molti casi aziendali finiscono con procedimenti penali differiti. In effetti, la gravità di questo caso potrebbe essere impareggiabile, ha affermato, osservando che l’azienda impiega decine di migliaia di lavoratori negli Stati Uniti e vende milioni di veicoli sotto il nome di Chrysler, Dodge, Jeep e Ram.

Condannati 15 vertici di FCA

Siamo stati informati dai nostri colleghi del Dipartimento del lavoro di Washington che questo caso segna una delle più grandi violazioni del Taft-Hartley Act nella storia degli Stati Uniti, se non la più grande“, ha detto Shaw, riferendosi a una legge che disciplina i sindacati. e le attività aziendali. “La condotta criminale di FCA e dei suoi dirigenti ha notevolmente minato la fiducia che gli uomini e le donne che lavorano negli stabilimenti e nelle catene di montaggio ripongono nei loro leader. Questi crimini hanno anche minato la fiducia dei lavoratori nell’integrità del processo di contrattazione collettiva”.

La società aveva inizialmente affermato di essere “vittima di condotta illegale da parte di alcuni individui” e Sergio Marchionne, il defunto CEO di FCA, aveva detto ai dipendenti in una lettera che si era unito all’allora presidente della UAW Dennis Williams nell’ esprimere il suo disgusto per la presunta condotta, “che costituisce la più eclatante violazione della fiducia da parte dei soggetti coinvolti”.

Anni dopo, l’ex procuratore degli Stati Uniti Matthew Schneider sarebbe stato interrogato sulla possibilità di accuse contro Marchionne, l’uomo di solito accreditato per aver salvato sia la Fiat che la Chrysler, ma Schneider avrebbe detto semplicemente che i pubblici ministeri non accusano o incriminano le persone morte. In una breve dichiarazione al giudice, Nicolas Bourtin, un avvocato che rappresenta la società, ha affermato che il patteggiamento è stato negoziato a lungo con il governo e include un’ampia dichiarazione di fatto, con la quale la società ha concordato.

“Per tutti i motivi messi a verbale durante l’udienza di dichiarazione di colpevolezza, riteniamo che sia una risoluzione appropriata e che il tribunale dovrebbe accettarla così com’è“, ha detto Bourtin.

La sentenza ha segnato la conclusione di un pezzo dell’indagine federale che ha portato alla condanna di 15 persone, tra cui l’ex capo negoziatore del lavoro per FCA, Alphons Iacobelli, e due ex presidenti della UAW, Gary Jones e Williams. Le persone che lavorano nell’interesse dell’azienda hanno utilizzato un centro di formazione dei lavoratori, supervisionato congiuntamente da FCA e UAW, per incanalare i pagamenti ai funzionari sindacali. Pasti, feste, vestiti, persino l’ipoteca di 262.000 dollari del defunto generale Holiefield, vicepresidente della UAW responsabile del dipartimento Chrysler del sindacato, erano nella lista degli articoli pagati con fondi utilizzati in modo improprio, secondo i pubblici ministeri.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
1
Share