Come saranno le nuove versioni di Citroën ë-C4, Opel Corsa-e, Peugeot e-208?

Ecco come cambieranno le future Citroën ë-C4 , la DS 3 Crossback E-TENSE , le Opel Corsa-e e Mokka-e , le Peugeot e-208 ed e-2008
Peugeot e-208
Peugeot e-208

Attualmente, tutte le auto elettriche del vecchio gruppo PSA (Peugeot-Citroën, Opel) si basano sulla stessa piattaforma modulare: l’eCMP , derivata dalla CMP utilizzata nei veicoli termici. Questa architettura, sviluppata per i modelli dei segmenti B (utility) e C (compact), ha dimostrato una straordinaria flessibilità in soli due anni di vita commerciale.

Su di essa si basano le proposte più disparate: la Citroën ë-C4 , la DS 3 Crossback E-TENSE , le Opel Corsa-e e Mokka-e , le Peugeot e-208 ed e-2008. Tutti condividono il loro gruppo propulsore: un motore da 136 CV (100 kW) 260 Nm di origine Continental, batterie lorde raffreddate a liquido da 50 kWh e celle NCM 523 di CATL e un sistema di ricarica da 7,4 kW in monofase, 11 kW in tre fasi (opzionale) e 100 kW in continuo.

Tuttavia, la tecnologia elettrica avanza molto velocemente, quindi Stellantis (il gruppo nato dalla fusione di PSA con FCA) svilupperà quattro nuove piattaforme elettriche: la STLA Small, che sarà lanciata all’inizio del 2026 per sostituire l’eCMP, la STLA Medium e la STLA Large, che arriveranno a metà del 2023 e lo STLA Frame , previsto per l’inizio del 2024.

Con l’arrivo di STLA Small ancora a cinque anni di distanza, Stellantis sottoporrà la piattaforma eCMP a un importante aggiornamento per mantenerla aggiornata. Inizialmente, l’eCMP di seconda generazione vedrà la luce del giorno alla fine del 2022 e dovrebbe essere utilizzato sia dai nuovi modelli che da quelli che attualmente si trovano sull’eCMP di prima generazione.

Così, l’architettura rinnovata arriverà all’Alfa Romeo Brennero (2023), alla Citroën ë-C3 (2023), alla FIAT 500 5 porte (2023) e alla Panda (2024) e all’attesa ” baby Jeep” (2022). Anche il restyling di Citroën ë-C4, DS 3 Crossback E-TENSE, Opel Corsa-e e Mokka-e e Peugeot e-208 ed e-2008 beneficeranno di questo aggiornamento.

La piattaforma eCMP di seconda generazione sembrerà avere tre declinazioni: Access, Standard e Sport. L’eCMP ‘base’ avrà un motore da 80 CV e una batteria da meno di 40 kWh con celle SVOLT LFP, e sarà utilizzato nelle versioni più economiche dei veicoli commerciali del gruppo (Citroën ë-C3, FIAT Panda, Opel Corsa- e, Peugeot e-208), che cercherà di tenere testa alla Renault 5 E-TECH Electric e alla MEB Entry Family del Gruppo Volkswagen.

L‘eCMP “intermedio” vedrà il suo motore Continental sostituito da una fonte Nidec più potente ed efficiente. Sebbene si preveda che le batterie originali CATL rimarranno, inizialmente verranno utilizzate celle più moderne rispetto alle NCM 523 per raggiungere una capacità di circa 60 kWh e un’autonomia di circa 400 km WLTP . Questa versione raggiungerà quasi tutti i modelli, tranne quelli con un approccio low cost (Citroën ë-C3, FIAT Panda).

La eCMP “top di gamma” dovrebbe avere un motore più potente (circa 200 CV) ; inoltre, eventualmente sarà equipaggiata anche con alcune batterie più capaci di origine ACC. Sarà utilizzato solo nelle varianti più sportive di alcuni modelli: Abarth 500, Alfa Romeo Brennero Veloce, DS 3 Crossback E-TENSE Performance, Jeep Trackhawk, Opel Corsa-e GSe, Opel Mokka-e GSe, Peugeot e-208 PSE, Peugeot e-2008 PSE.

Ti potrebbe interessare: Peugeot 308 SW: Aperte le prenotazioni nel Regno Unito

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share