Chrysler potrebbe non sopravvivere alla fusione PSA-FCA

Nuova Chrysler Pacifica
Nuova Chrysler Pacifica

Il marchio Chrysler potrebbe non sopravvivere alla nuova fusione PSA-FCA e potrebbe essere tagliato, secondo un nuovo rapporto. Nonostante la sua illustre storia e il suo ruolo nella cultura automobilistica americana, Chrysler potrebbe essere matura per il taglio a causa delle scarse vendite.

Secondo Associated Press, l’attuale CEO di Groupe PSA Carlos Tavares probabilmente seguirà un modello che ha adottato con successo per invertire le sorti del Groupe PSA. Quel modello includeva il tenere d’occhio i costi ed essere spietato nell’eliminare modelli o iniziative che non avevano un buon senso finanziario.

Groupe PSA e FCA – Fiat Chrysler Automobiles sono pronti a unirsi in un accordo da 50 miliardi di dollari che dovrebbe essere completato entro marzo. Tavares dovrebbe supervisionare il supergruppo, che riunirà 14 marchi tra cui Peugeot, Citroen, Opel, Vauxhall, Fiat, Alfa Romeo, Lancia, Jeep e Chrysler, per creare una nuova società chiamata Stellantis.

Una volta creato, Stellantis diventerà il quarto produttore di automobili al mondo. Gli azionisti dovrebbero incontrarsi oggi per votare l’accordo. Sebbene non sia ancora stata creata, la società ha già detto che l’ attuale capo della FCA Mike Manley dirigerà Stellantis nelle Americhe. Tuttavia, nonostante i rapporti precedenti suggerissero che i 14 marchi rimarranno intatti, il futuro di Chrysler potrebbe essere in dubbio.

Una volta una centrale elettrica in America, Chrysler ora ha solo tre modelli nella sua gamma: la vecchia 300 berlina e Pacifica e Voyager MPV. Il marchio americano ha avuto anche una presenza in Europa fino al 2015 con una gamma di modelli ribattezzati Lancia, ma è stato ritirato dal mercato britannico a causa delle scarse vendite .Cinque anni dopo, Chrysler sta ancora soffrendo: nell’ottobre 2020 le vendite sono diminuite del 19%.

Per questo motivo, Chrysler potrebbe non sopravvivere alla fusione e potrebbe essere eliminata dal portafoglio di marchi del supergruppo, secondo gli analisti. FCA ha affermato che non ci sono piani per chiudere alcun impianto, mentre PSA afferma di non aver annunciato alcun piano futuro e “comunicherà a tempo debito”.

Un obiettivo chiave della fusione vedrà molti marchi condividere tecnologie come piattaforme e motori per ridurre i costi e aumentare l’efficienza. La tecnologia PSA Peugeot, ad esempio, sarà probabilmente estesa ai marchi nordamericani della famiglia FCA.

Ti potrebbe interessare: Il pronipote di Walter P. Chrysler propone modifiche alla fusione con PSA

Articoli Suggeriti
Total
0
Share