Carlos Sainz: “La strana decisione sulle auto doppiate mi è quasi costata il podio”

Carlos Sainz spiega cosa ne pensa della decisione dei commissari di far sdoppiare solo alcune vetture
Carlos Sainz nel GP Abu Dhabi

Carlos Sainz è stato uno dei tanti piloti che sono rimasti perplessi dalla procedura di sdoppiatto delle auto sotto il regime di Safety Car verso la fine del Gran Premio di Abu Dhabi.

Il pilota della Ferrari ha affermato che la decisione del controllo di gara di consentire solo a cinque delle otto vetture doppiate di riconquistare il giro di testa ha messo a repentaglio il suo terzo posto dalle vetture dietro. Ha tagliato il traguardo con l’AlphaTauri di Yuki Tsunoda e Pierre Gasly a un secondo e mezzo da lui. Sainz è salito sul podio dopo che la Red Bull ha ritirato Sergio Perez a tre giri dalla fine, durante il periodo della Safety Car che si è concluso al penultimo giro.

Poco prima della ripresa delle corse, i commissari di gara hanno detto ai piloti doppiati tra il leader Lewis Hamilton e Max Verstappen di superare la safety car. Tuttavia i doppiati dietro Verstappen, dovevano rimanere in formazione. Ciò significava che Sainz ha ripreso la gara con due vetture doppiate davanti a lui e Valtteri Bottas che si avvicinava sempre più.

L’intervista a Carlos Sainz

Era certamente una situazione molto strana per me perché stavo lottando per un podio con Valtteri e le AlphaTauri dietro con una gomma media mentre ero su una dura molto usata“, ha detto Sainz.

All’inizio mi è stato detto che non avrebbero avuto il permesso di sdoppiarsi i piloti davanti a me. E poi si è deciso di farli sdoppiare. E c’è chi si è staccato, ma c’erano ancora un’Aston Martin e la McLaren di Ricciardo tra i due leader e me. Questa è una cosa che non mi era mai successa prima“.

Uno dei due piloti davanti a Sainz si è subito tolto di mezzo. Le bandiere blu sono state sventolate all’inizio del secondo settore, dopo che le due vetture davanti avevano creato un piccolo distacco da Sainz, e così Stroll ha rallentato in modo significativo per consentire a Sainz e poi agli inseguitori Bottas e le due AlphaTauri di passare.

Ricciardo, nel frattempo, ha inseguito i due leader, tagliando il traguardo 1,3 secondi dopo Lewis Hamilton per finire 12°, con un giro di ritardo. Ad oltre un minuto, i piloti con cui aveva lottato in precedenza per la zona punti hanno preso la bandiera a scacchi, essendo stati autorizzati a sdoppiarsi il giro precedente. “Credo che sia stato strano, e forse sia qualcosa da guardare perché era molto strano da vedere e mi è quasi costato il podio, ad essere onesti“, ha concluso Sainz.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share