Ferrari

Binotto: Sainz può essere campione del mondo

Binotto Ferrari

Carlos Sainz sarà in grado di lottare per un campionato alla Ferrari nonostante la presenza di Charles Leclerc, secondo Mattia Binotto. L’arrivo di Sainz, che si unirà al team dalla stagione 2021 di Formula 1 in sostituzione di Sebastian Vettel, è stato ipotizzato come un segno dell’impegno della Ferrari nei confronti di Leclerc come pilota principale per il prossimo futuro. E mentre Binotto prevede che lo spagnolo avrà bisogno di un po’ di tempo per abituarsi alla vita a Maranello, non esclude la possibilità che lui partecipi alla corsa al titolo ad un certo punto.

Carlos Sainz sarà in grado di lottare per un campionato alla Ferrari nonostante la presenza di Charles Leclerc, secondo Mattia Binotto

“Penso che il primo anno sarà più complicato perché deve prima capire la macchina e il team”, ha detto Binotto a Marca . “Ecco perché non abbiamo firmato un contratto di un anno con lui, ma so che è molto veloce, quindi può sicuramente essere campione del mondo.” Allo stesso tempo, Binotto ammette che Leclerc ha un posto di grande importanza nella Scuderia, arrivando al punto di consultare il monegasco sull’assunzione di Sainz. “È importante per me che sia coinvolto in queste decisioni, per avere il suo feedback”, ha detto.

“Charles è il nostro investimento, parte del futuro del nostro team, quindi era consapevole, sì.” “Abbiamo investito molto in Charles, sì, molti anni, da F3, F2 e ora in F1, dove il processo continua e speriamo che quest’anno sarà ancora più forte del passato e persino più forte in futuro, ecco perché abbiamo rinnovato il suo contratto per tanti anni [fino al 2024]. “Charles è un pilota su cui la Ferrari può contare per il futuro, cercando di sviluppare il più possibile e che può diventare il pilota più forte nella storia della Formula 1.”

Per quanto riguarda il modo in cui Sainz e Leclerc si comporteranno in pista l’uno verso l’altro, Binotto sostiene di non avere grandi preoccupazioni, né vede la necessità di stabilire un numero uno e un numero due. “Non credo che ci saranno momenti difficili tra i due, tutto andrà per il meglio, e se ce n’è uno, è il mio lavoro [mediare], ma devo essere positivo. “La prima cosa è avere due buoni piloti, lo spirito di squadra è ciò che è importante, assicurandosi che la Ferrari venga prima di tutto. E penso che sarà la pista stessa a dettare chi è il primo e chi è il secondo. “È sempre stato così anche ai tempi di Michael Schumacher, che ha iniziato ogni anno allo stesso livello del suo compagno di squadra, ma nella terza gara era chiaro chi fosse il primo”.

Ti potrebbe interessare: Carlos Sainz ha davvero combattuto per essere dove si trova ora

Notizie Correlate
Ferrari

L'esclusiva Ferrari Monza ora più radicale e con 840 CV grazie a Novitec

Ferrari

L'auto speciale Ferrari realizzata per un cliente

Ferrari

Ferrari svela la versione modificata del bestseller Portofino

Ferrari

Ferrari GTC4Lusso: addio al sostituto della Ferrari FF