Alfa Romeo: ‘Siamo soddisfatti di Giovinazzi’

Jan Monchaux ha provato a spiegare come mai Mick Schumacher è andato in Haas e ha detto che Alfa Romeo è soddisfatta di Giovinazzi
Giovinazzi e Raikkonen
Giovinazzi e Raikkonen

La decisione di mandare Mick Schumacher in Haas, per la sua stagione da rookie in Formula 1 pur mantenendo Antonio Giovinazzi all’Alfa Romeo, che ha lasciato perplessi molti è stata spiegata da Jan Monchaux.

Vale la pena notare che la squadra svizzera ha un ricco pedigree nella cura di giovani talenti – Kimi Raikkonen , Felipe Massa, Sergio Perez, Robert Kubica per citarne alcuni – mentre il team americano non ha esperienza del genere.

Tuttavia, la Scuderia di Mattia Binotto ha tracciato la strada per il giovane tedesco, figlio della leggenda Michael Schumacher, con Haas mentre la squadra continua a mostrare fiducia in Antonio Giovinazzi che avrebbe dovuto lasciare il posto a Mick.

Se all’inizio Sergio Perez, poi Jules Bianchi e ora Charles Leclerc hanno stabilito il modello per il successo dei piloti della Ferrari Driver Academy (FDA) è giusto dire (e le statistiche lo dimostrano) che Giovinazzi non è riuscito a impressionare nella massima serie.

Parlando con Sky Germany della decisione di mantenere l’italiano, e far andare Schumacher Jr in Haas, il capo tecnico dell’Alfa Romeo Monchaux ha detto: “C’era sicuramente un pensiero su di lui, abbiamo pensato che Mick potesse avere una possibilità con noi. “Alla fine, la Ferrari ha deciso diversamente. Certamente ci sono ragioni di sponsorizzazione. Il marchio Alfa Romeo, potrebbe preferire un italiano in macchina “.

Questo lascia la squadra con il veterano Raikkonen con Giovinazzi nella vettura gemella anche nel 2021. Naturalmente, Monchaux deve prendere la via diplomatica quando si tratta di giustificare la decisione. Ha spiegato: “Siamo soddisfatti di Antonio.

“Penso ora per il futuro a breve termine, devo ammetterlo, preferisco un pilota che conosco e che conosce la macchina. Con cui non dobbiamo ricominciare per ottenere il massimo da lui. “I team che hanno cambiato uno o due piloti, si renderanno la vita più difficile con un breve periodo di assestamento che è ovviamente necessario.

“Nel medio e lungo termine potrebbero ricavarne i dividendi, ma la stagione 2021, a meno che non abbiano il nuovo Charles Leclerc nella loro macchina, che ha iniziato a brillare dopo due o tre gare, renderà la vita difficile per loro. E a questo proposito, forse non è così male per noi “, ha concluso Monchaux.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share