Alfa Romeo Racing

Alfa Romeo Racing: ecco la livrea 2020

Alfa Romeo Racing: ecco la livrea 2020

Sebbene Robert Kubica sarà il primo a guidare la macchina, Kimi Raikkonen e Antonio Giovinazzi erano entrambi a disposizione per la rivelazione obbligatoria e le riprese dei media. Mentre il finlandese ha dichiarato che la C39 “sembra migliore dell’anno scorso”, il suo compagno di squadra italiano ha insistito sul fatto che fosse “bella”. Dopo l’inizio di una stagione forte nel 2018, che era di per sé un miglioramento considerevole rispetto al 2017, l’Alfa Romeo Racing si aspettava di più nel 2019. Ma nella battaglia a tre, quattro e cinque vie che era il centrocampo e con la Mercedes, Ferrari e Red Bull riempiono efficacemente i primi sei posti, non c’era così tanto margine di miglioramento, in termini di punteggio.

Guadagnare punti nelle prime quattro gare è stata forse l’unica nota positiva e che Raikkonen avrebbe potuto fare, perché offriva speranza. Poi c’è stata un’altra raffica di punti segnati a metà stagione, seguita da un bel quarto e quinto posto nelle condizioni in continua evoluzione in Brasile. Alla fine della stagione, l’Alfa era ottava, come la Sauber la stagione precedente, ma con altri nove punti, la maggior parte dei quali è stata segnata dal finlandese.

Alfa Romeo Racing: la livrea

La C38 non era una cattiva macchina in quanto tale, ma non era nemmeno una macchina particolarmente buona, e mentre mostrava scorci di buon passo sul giro singolo, era la domenica che combatteva di più per risalire, una situazione non aiutata dalla lotta con gli pneumatici 2019 o una serie di errori strategici. La livrea 2020, sviluppata in stretta collaborazione con il Centro Stile Alfa Romeo, presenta l’iconico rosso dell’Alfa Romeo, con strisce scarlatte che si estendono fino alla parte anteriore del telaio. Nel complesso, è un design forte che rende omaggio alla tradizione Sauber – in occasione del 50 ° anniversario della fondazione del team – e ai partner del team.

Progettata e sviluppata sotto il coordinamento del direttore tecnico, Jan Monchaux, la C39 ha appena passato la somiglianza con il suo predecessore: è, invece, un concetto completamente nuovo volto ad aiutare il team a costruire i forti passi compiuti negli ultimi due anni e continuare i suoi progressi verso la parte anteriore della griglia. “La C39 è il prodotto del duro lavoro e della visione di un folto gruppo di persone altamente impegnate“, ha detto Frederic Vasseur, “ed è una testimonianza della qualità di tutti i membri del nostro team. Speriamo che ci aiuterà a far avanzare il team e raggiungere i nostri obiettivi. Il nostro obiettivo non è cambiato: vogliamo fare un lavoro migliore domani rispetto a oggi. Siamo un team in crescita e dobbiamo ancora migliorare in ogni singola area e in ogni singolo reparto dell’azienda. Questo è un progetto a tempo indeterminato, non c’è un traguardo – tutti devono essere completamente concentrati e dedicati. Stiamo andando avanti, abbiamo già fatto un grande passo rispetto a dove eravamo all’inizio del 2018, ma dobbiamo continuare su questa strada. La C39 è una naturale evoluzione della vettura dell’anno scorso“, ha aggiunto il direttore tecnico, Jan Monchaux, “anche se non condivide molto con il suo predecessore. Abbiamo migliorato ulteriormente la nostra auto ma, a parte forse cerchi e pneumatici e alcuni componenti interni, c’è a malapena una singola parte visibile che è la stessa. È il solito processo di costante miglioramento, ma è una bestia nuova di zecca. Ci aspettiamo di migliorare ciò che abbiamo realizzato la scorsa stagione, di fare un passo avanti e speriamo di essere in grado di lottare per la posizione al vertice del centrocampo“.

Notizie Correlate
Alfa Romeo Racing

Raikkonen sul nuovo contratto: "Non ho firmato niente"

Alfa Romeo Racing

Schumacher positivo: "Almeno ho avuto la possibilità di lavorare con la squadra"

Alfa Romeo Racing

Giovinazzi definisce i punti ottenuti nel GP Eifel un aumento di fiducia

Alfa Romeo Racing

Kimi Raikkonen ha stabilito un nuovo record in F1