News

Alfa Romeo: il SUV compatto arriverà prima del previsto

Alfa Romeo B-SUV

Il futuro B-SUV di Alfa Romeo che secondo indiscrezioni potrebbe chiamarsi Milano o Brennero arriverà prima del previsto. Si dice infatti che i futuri vertici di Stellantis vogliano voltare pagina rispetto al passato e velocizzare i lanci dei nuovi modelli soprattutto per quanto riguarda Alfa Romeo che nell’ultimo decennio ci ha abituato a tempi biblici tra la presentazione di una vettura e il suo arrivo in concessionaria. Dunque il primo modello a beneficiare di questo nuovo corso dovrebbe essere proprio il nuovo SUV compatto che sarà realizzato su piattaforma CMP, sarà il primo modello elettrico della casa automobilistica del Biscione ed è destinato a far aumentare di molto le vendite dello storico marchio milanese. Questo in particolar modo in Europa dove modelli di questo tipo vanno per la maggiore.

Alfa Romeo Milano o Brennero dunque invece che nel 2023 dovrebbe debuttare nel 2022. Il veicolo avrà sosia di altri marchi tra cui Jeep, Lancia e Peugeot. Queste vetture useranno tutte lo stesso telaio e gli stessi motori. Quanto alla versione a zero emissioni si ritiene che essa possa garantire un’autonomia con una singola ricarica di almeno 400 km. Non è ancora chiaro quale possa essere il suo luogo di produzione ma si presume che comunque il SUV anche se realizzato su piattaforma CMP sarà prodotto in Italia al pari del resto della gamma della casa automobilistica del Biscione. Maggiori dettagli su questo modello dovrebbero trapelare già nel corso del 2021 man mano che ci avvicineremo al suo debutto.

Ti potrebbe interessare: Alfa Romeo: ecco come potrebbe essere una futura super car a motore centrale

Ti potrebbe interessare: Alfa Romeo: anche a luglio per la casa automobilistica del Biscione vendite in calo in Italia

Notizie Correlate
News

Alfa Romeo, Fiat e Maserati: ecco cosa accadrà con Stellantis

News

Alfa Romeo GTV6 degli anni '80 in vendita a Melbourne

News

Alfa Romeo: ecco i piani per i prossimi anni

News

Alfa Romeo si assicura il ritorno nel WTCR 2020