Vettel:
Vettel: "Preferirei la F1 noiosa, ma riavere Hubert"

Hubert, 22 anni, è morto sabato dopo aver subito un impatto di 250 km/h con l’americano Juan Manuel Correa a Spa. Il quattro volte campione del mondo Vettel, parte della Grand Prix Drivers ‘Association, afferma che la sicurezza deve essere migliorata.

Penso ancora che ci siano cose che possiamo fare meglio e migliorare“, ha detto. Lo scontro fatale dello scorso fine settimana è stato indagato dalla FIA, mentre l’auto appartenente a Giuliano Alesi, il pilota che Hubert ha evitato prima di schiantarsi contro le barriere, è stata sequestrata dalla polizia belga.

Correa è stato trasferito in terapia intensiva in Gran Bretagna dopo aver subito un infortunio alla colonna vertebrale e le gambe fratturate durante la gara della categoria minore della F1. “Alcune persone pensano che la Formula 1 sia troppo sicura e troppo noiosa“, ha aggiunto Vettel in una conferenza stampa prima del Gran Premio d’Italia di questo fine settimana.

Vettel: rivorrei indietro Hubert

Ma preferirei avere noiosi campionati di Formula 1 per sempre e riportare Anthoine. In una certa misura [il pericolo] fa parte delle corse automobilistiche – fa parte del brivido – ma ovviamente gli ultimi anni sono stati un risveglio con la scomparsa di Jules [Bianchi] e ora Anthoine. Quello che è successo non potrebbe essere peggio. Penso che sarà esaminato in un modo molto dettagliato che è corretto e ciò che tutti si aspetterebbero, ma per trarre delle conclusioni ora non è probabilmente giusto, dobbiamo avere un quadro completo di molto di elementi. Sono un fan di tenere gare a Spa perché è una pista fantastica che ha una grande storia e molte curve sono uniche, ma di sicuro dopo quello che è successo dobbiamo dare un’occhiata molto da vicino e prendere un po ‘di tempo per capire esattamente quello che è successo“. Ayrton Senna e Roland Ratzenberger sono stati gli ultimi piloti a morire durante un weekend di gara di Formula 1 a Imola nel 1994. Non c’è stata un’altra morte del pilota in F1 fino al 2015 quando Jules Bianchi è morto nove mesi dopo aver subito gravi ferite alla testa in un incidente al Grand giapponese del 2014 Premio.

Charles Leclerc della Ferrari ha dedicato la sua vittoria a Spa al suo ex amico e rivale Hubert, e ha detto che mentre era consapevole dei rischi connessi alle corse, “è sempre uno shock quando succede qualcosa del genere“.

Leclerc ha aggiunto: “Ogni volta che vai a quella velocità, sarà sempre pericoloso. D’altra parte, ogni volta che vado in macchina vado con la stessa mentalità e penso che stiamo tutti provando a farlo anche con quello che è successo sabato. Quando sali in macchina stai cercando di essere nella zona, cercando di pensare a cosa devi fare e devi correre più forte che puoi per finire più in alto che puoi“.

L’uso delle aree di deflusso dell’asfalto è stato anche messo in discussione nei giorni successivi allo schianto di Hubert, con alcuni che sostengono che le vie di fuga di ghiaia limiterebbero i rischi che i piloti sono pronti a correre e che potrebbero anche impedire a un’auto di rimbalzare in pista dopo un incidente.

In parte è vero, le aree di deflusso di Tarmac ci invitano a continuare a spingere perché non ha conseguenze immediate“, ha dichiarato Nico Hulkenberg della Renault. “Deve sempre esserci il giusto equilibrio da qualche parte, e forse dovremmo avere alcune soluzioni personalizzate per curve come Eau Rouge nel modo in cui non vediamo davvero quella curva fino a quando non sali su per la collina“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here