Mattia Binotto non ci sarà nei Gran Premi del Brasile e del Messico

Mattia Binotto non seguirà da vicino almeno altri due Gran Premi per concentrarsi maggiormente sulla prossima monoposto
Mattia Binotto non ci sarà nei Gran Premi del Brasile e del Messico
Mattia Binotto non ci sarà nei Gran Premi del Brasile e del Messico

Il team Principal della Ferrari, Mattia Binotto, mancherà almeno due dei restanti Gran Premi, per seguire da vicino lo sviluppo della monoposto per il 2022. Sebbene Charles Leclerc (a Sochi) e Carlos Sainz (a Istanbul) siano stati costretti a prendere penalità in griglia nelle due gare più recenti per la nuova power unit, c’è ottimismo, in quanto il nuovo propulsore si è dimostrato all’altezza del compito, cioè essere competitivo.

Sainz è arrivato 8° domenica, mentre Leclerc, dopo essersi qualificato 4°, ha concluso la gara nella stessa posizione. “Ci sta dando un piccolo vantaggio“, afferma Binotto del nuovo motore, secondo il sito Web ufficiale della F1. “Non voglio quantificarlo in tempo sul giro perché dipende dalla pista”.

Intervista a Mattia Binotto sull’evoluzione del motore

Non è solo pura potenza del motore termico, è migliorato anche il sistema di recupero di energia, quindi è un po’ complesso“, aggiunge. “Ma di certo ci sta dando un vantaggio. Se guardiamo bene le qualifiche con Charles, è stato il… quarto tempo. Se guardo i tempi era molto vicino ai piloti che stavano dietro, e sono abbastanza sicuro che un paio di posizioni sarebbero andate perse senza quel motore”.

Come abbiamo detto all’inizio con Charles, quando abbiamo introdotto la nuova power unit a Sochi, il primo obiettivo era cercare di migliorare la nostra esperienza in vista del 2022“, ha continuato. “Ecco perché l’abbiamo introdotto il prima possibile, cercando di affrettarlo, prendendo anche qualche rischio, ma è tutta una valutazione del rischio. Ovviamente per noi, è chiaro che dobbiamo ottenere il chilometraggio in pista e fare la nostra esperienza prima del 2022 quando le power unit saranno congelate. Per noi, quella era la chiave e la ragione“.

Dopo aver affermato in precedenza che l’obiettivo era ridurre il divario da Mercedes e Red Bull, invece di lottare con la McLaren per il terzo posto nella classifica del team, Binotto ora ammette che l’obiettivo è finire davanti ai suoi rivali di Woking. “Il terzo posto è sicuramente un obiettivo che abbiamo già comunicato alla squadra“, ha detto, “penso che tutti siano d’accordo su questo“.

Binotto salterà alcune gare per vedere i progressi della vettura

Nel frattempo, Mattia Binotto, che ha supervisionato il weekend di Istanbul dal quartier generale della Ferrari a Maranello, ammette che salterà altre gare mentre i preparativi per il 2022 raggiungono una fase critica.

Ovviamente il calendario è cambiato molto dall’inizio, quindi ho cambiato anche i piani, ma sicuramente la Turchia era uno di questi“, ha detto. “Salterò almeno altre due gare prima della fine della stagione. Quindi al momento ho intenzione di saltare Messico e Brasile. Ma vediamo. Il motivo è che, come puoi immaginare, soprattutto Messico e Brasile oltreoceano, si tratta di un lungo viaggio. Mentre qui a Maranello c’è molto da fare.

“C’è un’intera squadra da gestire, sia il telaio che la power unit e l’intera organizzazione“, ha aggiunto. “E siamo, in termini di sviluppo del 2022, certamente in una fase critica in cui il tempo stringe sempre più“.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share