Charles Leclerc sulla strategia in Turchia: “Non ho rimpianti”

Charles Leclerc si apre sulla strategia usata in Turchia e continua a pensare che fosse la scelta giusta in quel momento
Charles Leclerc sulla strategia in Turchia: "Non ho rimpianti"
Charles Leclerc sulla strategia in Turchia: “Non ho rimpianti”

Charles Leclerc insiste sul fatto di non avere rimpianti dopo aver tentato di finire la gara senza fare alcuna sosta ai box. Dopo aver ereditato il comando del Gran Premio di Turchia quando Max Verstappen e Valtteri Bottas sono rientrati ai box, Leclerc ha successivamente chiesto alla sua squadra se poteva arrivare fino alla fine senza fermarsi.

Otto giri dopo, mentre Bottas si avvicinava per riprendere il comando, al monegasco era stato detto di rientrare ai box, rientrando in gara quarto, alle spalle di Hamilton, che avrebbe deciso di fermarsi ancora più tardi.

Ormai fuori tempo con la maggior parte del gruppo, Leclerc ha scoperto che le sue gomme stavano attraversando la stessa fase di graining che i suoi rivali avevano sperimentato in precedenza e, in un’inversione della situazione sull’asciutto, era impotente quando Sergio Perez si è avvicinato usando una gomma con molti più giri.

L’intervista a Charles Leclerc

Nonostante abbia perso il suo secondo podio dell’anno, Leclerc ha insistito sul fatto di non avere rimpianti. “È stata una grande gara“, ha detto. “Nel primo stint siamo stati molto, molto competitivi, poi, purtroppo, siamo stati un po’ fuori fase con gli altri nel secondo stint, fermandoci dopo“.

Era un po’ lo stesso per tutti“, ha detto successivamente a Sky Sport, “ed è questo che ci ha un po’ confuso nella scelta di quando entrare ai box. All’inizio, nei primi cinque, sei giri degli altri piloti sulle nuove intermedie, eravamo più veloci di loro avendo le gomme usate“, ha continuato. “Ero con le gomme usate e ho sentito alla radio che mi dicevano i tempi di Valtteri sul nuovo treno di intermedie e lui non era molto veloce all’inizio. Ero tipo, ‘Ok, forse possiamo stare davanti con quelle gomme usate’, ma il fatto è che per sette giri hanno lottato moltissimo con il graining, e poi una volta superata quella fase hanno trovato molto ritmo, intorno ai tre secondi al giro, poi non abbiamo avuto scelta, ci siamo dovuti fermare“.

Negli ultimi dieci giri ho solo cercato di accendere quelle intermedie che non hanno mai preso vita“, ha ammesso. “È un po’ un peccato, perché questo ci ha fatto perdere il podio. Ma non mi pento di nulla. Nel complesso è stata una gara positiva”, ha insistito.

Il giovane è fermamente convinto che la situazione fosse opposta a quella di Sochi, dove la sua squadra ha tardato a rispondere al peggioramento delle condizioni. “In Russia penso che la comunicazione non sia stata eccezionale“, ha ammesso, “ma questa volta la comunicazione è stata molto buona, avevo un’immagine chiara della gara e abbiamo fatto la scelta giusta, o quella che pensavamo fosse la scelta giusta al tempo“.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share