Vasseur: “Il problema sono i kart, non la Formula 1”

Frederic Vasseur spiega che il problema non è la Formula 1, ma del karting
Vasseur
Vasseur

Non ci sono molte persone migliori nel paddock per chiedere informazioni sulla prossima generazione di talenti poiché il team ART di Vasseur, attuale Team Principal Alfa Romeo Racing, ha contribuito a portare in pista non meno di 25 piloti di Formula 1.

Di recente, il capo della Mercedes Toto Wolff ha parlato a lungo di come ci sia un problema legato ai “ragazzi ricchi” che si avvicinano alla Formula 1. Vasseur, tuttavia, vede un altro problema relativo alla struttura complessiva dello sviluppo giovanile, oltre ai costi.

L’intervista a Vasseur

Il problema non è la Formula 1, è il kart“, ha detto Vasseur al portale Motorsport.com. “Hanno anticipato tutto, oggi a 12 anni un ragazzo può già prendere parte ai Mondiali, e quando hanno 13 o 14 anni hanno finito il loro percorso, o almeno credono di aver fatto tutto il possibile nel karting. A quel punto vogliono passare alle monoposto, e trovano sempre uno sponsor in un campionato che porta avanti ragazzi di 14 o 15 anni, quindi a 16 li trovi in ​​Formula 3. Theo Pourchaire (recente vincitore a Monaco in F2 a soli 17 anni) ne è un buon esempio”.

Non voglio parlare come un vecchio, ma ne discutevo poco fa con Giedo van der Garde, che mi ha ricordato che quando aveva la stessa età di Pourchaire era campione del mondo di kart. Il problema nasce da lì, e paradossalmente penso che sarebbe nell’interesse del karting trattenere un po’ più a lungo i giovani“.

Questo però non significa che i giovani non siano preparati, anzi, la professionalità della serie junior è cresciuta molto, e questo permette anche a piloti molto giovani di poter fare un buon lavoro quando arrivano in Formula 1”.

Vasseur ha tenuto a precisare a proposito della serietà dei giovani piloti, affermando che qualcosa come essere al centro di un briefing di squadra sembrerà del tutto naturale per un giovane pilota di Formula 1, ma ciò per cui non sono ben preparati è la natura implacabile dei media.

Ha aggiunto: “Probabilmente per questi ragazzi, il motorsport, con tutti i suoi problemi, è una sorta di zona di comfort. È il loro mondo, parlano di corse e lo fanno da diversi anni, e sono abituati ad affrontare questo tipo di problemi. Anche quando hanno dieci ingegneri intorno al tavolo, la cosa più importante per un giovane pilota è costruire un rapporto molto forte con il suo ingegnere di pista, ed è qualcosa che hanno già fatto, sono abituati.

Probabilmente è più difficile per questi ragazzi gestire la pressione dei media che i problemi tecnici, perché il mondo dei media in Formula 1 è qualcosa che non hanno mai visto prima. A volte i problemi più grandi per un giovane rookie sono quelli che lo aspettano fuori dalla macchina e dai box”.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share