Theo Pourchaire guiderà una F1 con Alfa Romeo Racing nei test privati in Ungheria

Theo Pourchaire proverà l’Alfa Romeo Racing in Ungheria

Il pilota di Formula 2 Theo Pourchaire, membro della Sauber Academy affiliata all’Alfa Romeo, si unirà alla squadra per un test a bordo di una C38 del 2019 presso la sede del Gran Premio di Ungheria mercoledì 4 agosto.

Pourchaire condividerà la pista con Ferrari e McLaren, anch’esse partecipanti a un test di pneumatici Pirelli 2022 da 18 pollici. Questa sarà la prima esperienza del 17enne con le macchine di F1 e l’ultima pietra miliare nella fulminea ascesa del francese nella scala delle monoposto junior.

Theo Pourchaire ha fatto girare la testa in questa stagione nella sua stagione da debuttante in F2 diventando il più giovane poleman e vincitore di una gara del campionato dopo uno straordinario debutto a Monaco a maggio.

Tuttavia, il test di F1 arriva dopo un periodo frenetico per il pilota dell’ART Grand Prix che ha incluso un recupero da un braccio rotto in un incidente nel primo giro di una gara di F2 a Baku a giugno.

Pourchaire, che si trova al sesto posto nella classifica di F2, è riuscito a vincere la sua corsa contro il tempo per dimostrare la sua forma fisica per competere al round del Gran Premio di Gran Bretagna del campionato di F2 il mese scorso. Mentre l’adolescente ha messo gli occhi sul raggiungimento della F1, ha detto a Motorsport.com a maggio che è “davvero lontano” dal suo sogno e che ha ancora “molto da imparare”.

Theo Pourchaire in Alfa Romeo Racing per dei test privati

Il capo dell’Alfa Romeo Frederic Vasseur ha tenuto d’occhio i progressi del suo pilota junior, ma ha ammesso a giugno che sarebbe sbagliato mandarlo già in Formula 1, essendo ancora troppo presto. “Abbiamo un contratto con Theo, ma ancora una volta non voglio avere fretta, dobbiamo tenere a mente che ha 17 anni“, ha detto Vasseur a giugno.

Dovrà fare prima il lavoro in F2, poi avremo tempo per discutere in seguito. Sono rimasto impressionato da Theo [quest’anno] ma sono rimasto colpito anche da quanto fatto l’anno scorso. Per il prossimo anno è un po’ troppo presto perché ha fatto solo tre gare in F2 e se ricordi in passato i ragazzi sono stati capaci di essere campioni o di avere buoni risultati nel primo anno e nell’ultima parte di stagione. È più che giovane, ha 17 anni e deve ancora prendere la patente di guida e dobbiamo lasciargli il tempo per fare il suo lavoro. Non abbiamo fretta, ma penso che sia un ottimo pilota”.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share