Stellantis: 5.000 auto in meno in 3 giorni a Saragozza

Lo stop di 3 giorni nello stabilimento Stellantis di Figueruelas farà perdere la produzione di 5 mila auto al gruppo
stellantis

La spirale di interruzioni della produzione nel settore automobilistico sta causando scompiglio nelle fabbriche spagnole. Nel caso di Figueruelas, la cessazione dell’attività significherà la perdita di produzione di oltre 5.000 veicoli solo questa settimana, al ritmo di 1.800 veicoli ogni giorno. Lo stabilimento aragonese non avrà attività, al più presto, fino a domenica sera prossima, anche se tale fine dovrà essere confermata dalla direzione della multinazionale venerdì prossimo. Per ora domani non ci sarà produzione a Figueruelas, secondo quanto hanno fatto notare ieri le rappresentanze sindacali preoccupate per l’ultima parte dell’anno.

L’incertezza è una costante in casa Stellantis Saragozza, come riconoscono i rappresentanti dei 5.500 lavoratori che si sono già abituati ai fermi per mancanza di semiconduttori. “Non sappiamo quando finirà, ma l’industria sta considerando che la carenza di microchip potrebbe durare per tutto il prossimo anno. Per ora l’effetto del calo della produzione si è già fatto sentire sulle esportazioni, diminuite del 22% a luglio a causa del crollo delle vendite estere di veicoli del 67% nello stesso mese.

La dirigenza e i sindacati hanno riesaminato martedì la situazione e hanno cercato di trovare soluzioni alternative per attutire l’impatto della chiusura del turno di notte dal prossimo 4 ottobre, che genererà un eccesso di forza lavoro che la multinazionale ha stimato in 650 persone. Durante l’incontro, l’azienda ha proposto di fissare settimane alterne di erte per distribuire l’eccesso di lavoratori, che a turno avrebbero distribuito la condizione tra la forza lavoro. È solo una proposta che verrà analizzata dai sindacati.

In ogni caso sono allo studio anche altre misure. Per ora il bacino di lavoratori disposti a lavorare nello stabilimento di Madrid o in Francia continua a crescere. Sebbene l’azienda non abbia fornito dati, i lavoratori si stanno iscrivendo agli elenchi dei volontari a un “buon ritmo”, ha affermato il presidente del comitato, Rubén Alonso. L’obiettivo è che ci siano almeno 250 lavoratori che vanno a lavorare in altri centri . In questo modo, il numero di dipendenti che entrerebbero nell’erte per mancanza di semiconduttori sarebbe inferiore. L’azienda ha offerto al personale tra 2.100 e 2.900 euro al mese per chi sceglie di andare a lavorare a Madrid fino alla fine di gennaio.

Un’altra delle carte che i sindacati vogliono giocare è che potrebbero esserci incentivi per i lavoratori che compiono 60 e 61 anni – intorno ai 100 – che abbasserebbero anche le buste paga di chi è colpito dall’erte. Tuttavia, la multinazionale non accetta di attuare questa misura. Comunque sia, tutti già presumono che l’anno prossimo dovrà essere applicato un altro erte a causa della sottile prospettiva di migliorare le cose nella fornitura di semiconduttori. Ai 5.500 dipendenti di Figueruelas si aggiungono migliaia di operai provenienti da tutta la Spagna.

Ti potrebbe interessare: Stellantis: riparte la produzione alla Sevel ma i problemi restano

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share