Qualifiche GP Italia: intervista a Leclerc, Vettel e Binotto
Qualifiche GP Italia: intervista a Leclerc, Vettel e Binotto

Le due SF90 sono partite con pneumatici medi, effettuando il taglio dopo aver eseguito due giri cronometrati. Charles ha lasciato il segno con 1:20.417, migliorando a 1:20.126, mentre Sebastian è passato da 1:20.877 a 1:20.378. Quindi entrambi i piloti hanno tagliato la fase finale al loro primo tentativo. Leclerc ha fatto un 1:19.553; Vettel a 1:19.715. Il caos nei primi dieci minuti delle qualifiche è stato a dir poco insolito. Alla sua prima manche, Charles ha fatto un 1:19.307, mentre il migliore di Sebastian è stato un 1:19.457. Poco dopo, la sessione è stata contrassegnata dalla bandiera rossa dopo che Kimi Raikkonen è andato in testacoda alla Parabolica, riprendendo la sessione con poco più di 6 minuti.

Quello che è successo dopo è stato molto strano, dato che restavano solo due minuti, tutti erano ancora ai box, poiché nessun pilota voleva guidare il treno di automobili che si stava spostando e non avere il vantaggio della scia. Quando i piloti si sono fatti avanti per la posizione, il tempo è scaduto e la maggior parte delle macchine non ha mai attraversato la linea in tempo per iniziare un giro lanciato. Sebastian fu uno di quelli catturati, che lo ha lasciato in quarta posizione. Questa è stata la quarta pole della stagione di Leclerc e della sua carriera in F1, in seguito a quelle in Bahrain, Austria e Belgio. È stata la numero 224 per la Scuderia Ferrari.

Qualifiche GP Italia: parola ai piloti

Charles Leclerc: “Certo, è stato fantastico quando sono uscito dall’auto e ho sentito i nostri tifosi esultare dalle tribune. D’altra parte, è un peccato per Seb che ha il potenziale per fare il primo o il secondo, e penso che come team ce lo siamo meritati oggi. È stata una sessione di qualifiche piuttosto disordinata, soprattutto nella Q3. Negli ultimi minuti, ci siamo trovati in una situazione strana all’uscita della seconda curva, dove due macchine stavano bloccando la nostra strada. Seb mi ha sorpassato lì, perché penso che fosse consapevole del fatto che eravamo molto attenti ai tempi. Dopo questo, ho cercato di trovare la scia migliore e poi ho superato Seb prima dell’ultima curva per restituirgli la scia, ma sfortunatamente era troppo tardi per raggiungere ciò che avevamo programmato. Per quanto riguarda la gara, il nostro ritmo è sembrato piuttosto forte nella FP2 e il divario per i nostri concorrenti è inferiore a quello di Spa-Francorchamps. DRS e scia sono molto importanti qui a Monza, quindi l’obiettivo sarà quello di creare un divario nella primi tre giri abbastanza grandi da non vederli di nuovo“.

Sebastian Vettel:Sono stato contento della macchina che è stata davvero buona, e sono stato contento anche del mio giro di oggi, ma non posso essere contento di come sono andate le qualifiche. Alla fine della Q3, la maggior parte di noi non è riuscita al secondo tentativo. Il giro che ho fatto da solo senza rimorchio è stato buono. Penso che siamo usciti tardi e quindi ovviamente cerchi un rimorchio, ma è chiaro che abbiamo aspettato troppo a lungo, quindi alla fine non c’era margine. Alla fine non ho avuto altra scelta che perdere il mio ultimo giro perché la luce era già rossa, quindi sono ovviamente deluso. Ma dal quarto in griglia ci sono ancora molte possibilità di fare bene. Vediamo come va domani“.

Team Principal Mattia Binotto: “Abbiamo capito bene dalle prove libere di ieri che le qualifiche di oggi sarebbero state molto vicine e che lo slipstreaming avrebbe avuto un ruolo chiave. La situazione in Q3 era davvero anormale: non capita spesso di vedere la maggior parte delle auto mostrate bandiera a scacchi senza essere stato in grado di fare il loro giro veloce, ma questa è l’inevitabile conseguenza della strategia di aspettare fino all’ultimo momento per sfruttare al meglio il summenzionato slipstreaming. È stato un peccato per Seb, che ha appena perso l’inizio del suo giro di volo con il margine più piccolo, perché essendo il quarto, era il pilota con più da perdere in questa situazione. Detto questo, oggi le nostre auto erano veloci e chiaramente siamo molto contenti di questa pole position, soprattutto perché è arrivata qui davanti ai nostri tifosi nella nostra gara di casa“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here