Montoya: “Il problema di Vettel è la SF90”

Montoya accusa la SF90 delle performance di Vettel
Mattia Binotto
Mattia Binotto

Per il secondo anno consecutivo, la gara di Sebastian Vettel sulla pista di casa della Ferrari è stata compromessa da un errore non forzato. L’anno scorso è andato in testacoda a seguito di un tentativo fallito di passare Lewis Hamilton alla seconda chicane, mentre la scorsa settimana si è girato alla Variante Ascari e in un doloroso tentativo di ricongiungersi in pista è stato colpito da Lance Stroll, causando ancora una volta danni alla Ferrari. Anche prima di Monza, i media erano alle spalle di Vettel, chiedendo a Charles Leclerc, che ha continuato a vincere il Gran Premio d’Italia, di ottenere lo status di numero uno, citando la forma di miglioramento del giovane e gli errori continui del suo compagno di squadra. Tuttavia, mentre alcuni si chiedono se il tedesco possa beneficiare di uno psicologo dello sport, Montoya ritiene che sia l’SF90 a essere al centro dei problemi di Vettel.

Il problema di Vettel? È la SF90. Parola di Montoya

Penso che non gli piaccia qualcosa in macchina o nelle gomme di quest’anno e Leclerc è in grado di adattarsi meglio“, ha detto il colombiano a Motorsport.com. “Vettel deve soffrire per andare veloce come l’altro“, ha continuato, “e poiché deve soffrire e non si sente a suo agio, commette errori. Quando non sei soddisfatto della macchina e spingi, si verificano errori“, ha aggiunto. “Non credo sia una cosa mentale. È più tecnica. Si tratta di capire, avere qualcuno dalla tua parte in grado di trovare quello che sta succedendo“.

Il colombiano ha citato il suo tempo alla McLaren, quando il team di Woking ha dovuto sviluppare una sospensione anteriore puramente per soddisfare il suo stile di guida. “Ho dovuto cambiare il modo in cui frenavo la macchina e ha iniziato a fare cose molto diverse da quelle a cui ero abituato“, ha ammesso.

Cambiare il modo di guidare è molto complicato“, ha continuato Montoya. “Se cambi il modo di guidare l’auto, puoi comunque essere veloce, ma probabilmente non così veloce come una volta. Dovrà adattarsi in una certa misura, ma imparare ad essere veloce in un modo diverso è molto difficile. È meglio adattare l’auto alla tua guida piuttosto che il tuo stile a quello di qualcun altro

Tuttavia, il colombiano, insiste sul fatto che non tutto è perduto. “Dovrà abbassare la testa con la squadra e lavorare più duramente di quanto abbia mai fatto“, ha detto. “L’unico modo è lavorare di più, fare qualcosa di diverso da quello che sta facendo ora. Deve essere abituato a lavorare in un certo modo, ma in questo momento non sta funzionando per lui“.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
1
Share