Montezemolo dubita della forza mentale di Vettel

Montezemolo dubita della forza mentale di Vettel
Montezemolo dubita della forza mentale di Vettel

Con quattro titoli mondiali già nel 2015, ci si aspettava molto Sebastian Vettel, e siccome la Ferrari ha cercato di riprendersi da un periodo relativamente magro, il tedesco ha visto l’opportunità di emulare il suo grande eroe, Michael Schumacher, tirando insieme la squadra e riportandola alla gloria.

Tuttavia, una combinazione di fattori, non ultima la politica interna, l’abitudine della squadra di spararsi ai piedi e i “momenti di nebbia rossa” di Vettel, hanno fatto sì che il tedesco arrivasse solamente secondo.

La scorsa stagione, in particolare, nelle ultime fasi della stagione Vettel sembrava essere in difficoltà, facendo innumerevoli errori, sia che finisse fuori pista mentre conduceva alla sua gara di casa o numerosi primi giri kamikaze che hanno totalmente compromesso il resto della gara.

Montezemolo si esprime su Vettel e Alonso

Lontano dalla pista il tedesco sembrava giù, non godendosi più le sue corse, e anche se sembrava di nuovo forte nei test pre-stagionali, era chiaramente scioccato dallo scarso ritmo della Ferrari nella prima gara della stagione.

Montezemolo suggerisce che Vettel non emulerà mai il suo eroe Schumacher, credendo che il tedesco manchi della necessaria forza mentale. “Il mio è un sentimento visto da fuori, e da fuori a volte ti sbagli“, dice al sito ufficiale della F1, “è che è veloce, una persona simpatica, ama la Ferrari, conosce la responsabilità. Ma penso che forse non ha la forza a volte“, ha ammesso Montezemolo.

Come riportato in precedenza, Montezemolo mette in discussione anche la mentalità del predecessore di Vettel, Fernando Alonso.

Ad essere onesti, è stato sfortunato essere in Ferrari quando la Red Bull era la stessa, o molto vicina all’essere, come la Ferrari all’inizio degli anni 2000“, ammette Montezemolo. “In secondo luogo, non mi piace, ma devo dire che è stato sfortunato, ha perso il campionato in Brasile nel 2012 quando Sebastian nel primo giro si è scontrato con Senna o quando il team ha commesso un grosso errore nel 2010, quando è stato abbastanza per finire quarto, e perdere il campionato all’ultima gara.

In terzo luogo, il suo personaggio, la più grande differenza tra Michael e anche Niki, è che lui era Alonso, non Alonso con la Ferrari, quando vince è felice, quando non vince è il problema della squadra, è infelice. È meno vicino alla squadra di Michael e Niki, in particolare nei momenti difficili: essere vicino alla squadra nei momenti migliori è facile. Alonso in gara è un pilota fantastico, lo era, ed è“, ammette. “Ha perso i campionati non per i suoi errori”.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share