Ferrari

Mattia Binotto: “Restiamo uniti nonostante le insinuazioni”

Mattia Binotto: "Restiamo uniti nonostante le insinuazioni"

Un ingegnere in tutto e per tutto che ricopre un ruolo di gestione come quello di Team Principal ha lasciato in tanti sorpresi. Fu un battesimo di fuoco, a parte un’auto priva di carico aerodinamico, Binotto ha avuto tra le mani una squadra che lotta ancora con la strategia, per non parlare del compito quasi impossibile di gestire due dei piloti più chiacchierati sulla griglia. Alla fine di una prima stagione “stimolante” al timone, l’italiano ammette che la parte politica del suo nuovo ruolo è stata una sorpresa.

La sfida non è solo tecnica e sportiva ma anche politica“, racconta a Daniele Bresciani in un’intervista per la rivista ufficiale Ferrari. “Non possiamo abbassare la guardia su quel fronte, sapendo che non è sufficiente avere un’auto competitiva e grandi piloti”.

Intervista a Mattia Binotto

Non mi aspettavo che quell’aspetto avrebbe comportato così tanti sforzi“, ammette. Alla domanda se il suo ruolo sia più umano e meno tecnico di prima, risponde: “Non direi questo, considerando che il 90% della Gestione Sportiva è composta da tecnici. Il mio nuovo ruolo copre anche l’altro 10%: comunicazione, marketing, sponsorizzazione, legale. Proprio come sono state aggiunte altre aree, in cui forse sono meno qualificato. Si potrebbe dire che, mentre prima, come direttore tecnico, Ero abituato a spendere, ora come Team Principal devo pensare a risparmiare o persino a creare guadagni. Qualcosa che deriva in parte dai miei studi di ingegneria e dall’essere cresciuto in Svizzera, sono convinto che sia importante disporre di procedure rigorose“, aggiunge. “È ciò che mi aiuta a gestire una struttura grande come la nostra. Da un lato è vero che devi occuparti delle relazioni con le aziende. Il lato umano ed emotivo è fondamentale, ma dall’altro è una macchina complessa che deve funzionare perfettamente. Soprattutto, in Formula 1 tutto deve funzionare in modo efficace ed efficiente“, continua. “Per essere chiari, il problema non è come sviluppare qualcosa con 1.000 cavalli, ma farlo prima che lo facciano gli altri, quindi ha proprio processi efficienti che ti consentono di essere più veloce nello sviluppo delle cose“.

Avendo mostrato un buon ritmo nei test pre-stagionali, a Melbourne è tornato a terra con un “bernoccolo”. “Dopo i test invernali, che erano andati molto bene, avevamo molte aspettative, ma invece abbiamo finito per fare una doccia fredda“, ammette. “A parte questo, è stata per me la mia prima stagione al comando del muretto box dopo 25 anni di competizione”. Dopo avergli chiesto di selezionare i momenti importanti del suo primo anno al comando, afferma: “Dopo la delusione in Australia, avrei scelto il GP del Bahrain, con una vittoria che era nella borsa ma che poi è andata in fumo a causa di problemi di affidabilità e il Canada, con Sebastian che ha vinto ma poi è stato penalizzato. Sono esempi di come la prima parte della stagione sia stata davvero in salita. Ma poi dopo la pausa estiva sono arrivate le vittorie a Spa, Monza e Singapore, che hanno parzialmente compensato quelle prime delusioni.

In attesa della nuova stagione…

Credo che il livello di concorrenza non sia mai stato così elevato. Abbiamo tutti i requisiti necessari per fare bene, ma nulla è dato per scontato perché anche i nostri avversari, come noi, si stanno rafforzando per migliorare. A nostro vantaggio c’è il supporto dei nostri eccezionali tifosi e il potere di quella leggenda che vogliamo a tutti i costi continuare a nutrire. #EssereFerrari è anche una parte importante di questo“.

Notizie Correlate
Ferrari

Ferrari: "Mick Schumacher è un buon candidato per un posto in Formula 1"

Ferrari

Ferrari: per Briatore dovrebbe puntare su Leclerc piuttosto che pensare a Hamilton

Ferrari

Leclerc: "Nel 2019 tutto è andato meglio di quanto mi aspettassi"

Ferrari

Leclerc ammette che la sua relazione con Vettel è "Meglio di quanto la gente pensi"