L’incertezza sul futuro in Alfa Romeo non è l’ideale per Giovinazzi

Non nasconde la sua frustrazione per l’incertezza del futuro Antonio Giovinazzi
Giovinazzi
Giovinazzi

Antonio Giovinazzi ha espresso frustrazione in vista dell’importante weekend del Gran Premio di Russia per il suo futuro in F1. L’italiano sta lottando per salvare il suo posto in Alfa Romeo, tra le speculazioni secondo cui la squadra sta pensando di mettere un rookie al fianco del nuovo acquisto Valtteri Bottas il prossimo anno. La partnership triennale tra Giovinazzi e Kimi Raikkonen è stata interrotta con il finlandese che ha annunciato il suo ritiro a fine stagione. E sembra probabile che ci sarà una formazione tutta nuova per la squadra svizzera con Bottas, che ha firmato un contratto di tre anni, che si unirà a un nuovo arrivato in F1.

Il nome più fortemente legato in questa fase è quello del giovane alpino Guanyu Zhou, anche se il capo del team Alfa Romeo Fred Vasseur potrebbe ancora scegliere di accelerare il suo pupillo diciottenne in Formula 2, Theo Pourchaire. Anche il campione di Formula E Nyck de Vries non sembra essere completamente fuori dai conti.

Le prospettive di Giovinazzi sembrano molto più esili rispetto a poche settimane fa – ed è frustrato non solo per non sapere ancora dove si trova, ma anche per non essere riuscito a capitalizzare un paio di buone occasioni nelle ultime due gare per mostrare quello che può fare. Sul suo futuro, Giovinazzi ha detto ai giornalisti alla vigilia del weekend del Gran Premio di Russia: “Di sicuro non è l’ideale ma alla fine non è una mia decisione, è una decisione di Fred e vedremo cosa deciderà”.

Una cosa che il 27enne è migliorato negli ultimi tempi sono le sue prestazioni in qualifica, avendo raggiunto la Q3 sia nel Gran Premio d’Olanda che in quello italiano. Ma in entrambe le occasioni non è riuscito a segnare punti, principalmente a causa, rispettivamente, di una foratura prematura e di una collisione anticipata con una Ferrari che lo ha costretto ai box.

“Davvero frustrante”, ha detto Giovinazzi. “Zandvoort, alla fine abbiamo forato, quindi non era la nostra domenica, a dire il vero. “Quindi sicuramente Monza è stata davvero frustrante perché prima di tutto era il nostro Gran Premio di casa e avevamo un buon passo. Dopo il primo giro, quando ero da solo, il ritmo era buono ed era un po’ frustrante. “Ma sono le corse, sappiamo com’è e speriamo di poter essere veloci anche qui a Sochi e provare a mettere insieme di più domenica”.

Ti potrebbe interessare: La Ferrari non influenzerà la decisione dell’Alfa Romeo sul futuro di Giovinazzi

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share