Ferrari

La fabbrica Ferrari è ancora attiva nonostante il coronavirus

Ferrari

La fabbrica Ferrari a Maranello è operativa nonostante si trovi a Modena, una delle regioni italiane colpite dalla quarantena imposta dal governo per cercare di contenere l’espansione del coronavirus. Oltre a ricevere un semaforo verde per viaggiare in Australia, dove la stagione di Formula 1 inizierà questo fine settimana, mantengono attivo anche il reparto di auto da strada.

La casa de Il Cavallino Rampante è una delle tante aziende italiane colpite dalla crisi Covid-19. In effetti, a metà febbraio ha già vietato l’accesso degli estranei alle sue strutture per ridurre il rischio di contagio per i suoi lavoratori. Ma gli ultimi eventi – oltre 9000 casi positivi nel paese – hanno costretto le autorità a rafforzare le misure per cercare di isolare le aree a rischio.

Da Maranello hanno rilasciato una dichiarazione ufficiale per rassicurare i mercati e i loro clienti. Il comunicato dice che le sue strutture sono ancora operative, ma le loro parole non nascondono la possibilità che la loro attività possa essere condizionata da possibili interruzioni dei loro fornitori. “La Ferrari ha adottato tutte le misure necessarie per garantire che i suoi lavoratori possano lavorare nelle migliori condizioni possibili”, ha affermato l’azienda italiana. Confermiamo la nostra continuità operativa in questo momento. Naturalmente, tale continuità è soggetta a quella dei nostri fornitori, con i quali siamo costantemente in contatto.”

“La Ferrari resta in contatto con le autorità ed è pronta ad adottare le misure di sicurezza necessarie in relazione alla situazione attuale con la convinzione che il benessere dei nostri dipendenti sia la nostra prima priorità”. Questa comunicazione avviene meno di una settimana prima dell’inizio della stagione di Formula 1 in Australia. Il team aveva già inviato in anticipo parte del materiale, come è consuetudine negli appuntamenti transoceanici, ma era in attesa di autorizzazione per spostare il proprio personale. “I viaggi dei membri del team procedono come previsto, a meno che non ci dicano diversamente”.

Ti potrebbe interessare: Binotto: “Ferrari non abbastanza veloce per vincere il GP d’Australia”

Notizie Correlate
Ferrari

Ferrari responsabile ma non soddisfatta: il limite di budget è anticoncorrenziale

Ferrari

Consigli per Sainz: "Deve essere in grado di controllare le paure alla Ferrari"

Ferrari

Norris, sorpreso dalla partenza di Sainz per la Ferrari: "Nessuno se lo aspettava"

Ferrari

Alesi: "È bello che Vettel lasci la Ferrari, la sua reputazione era in pericolo"