Il governo spagnolo ignora Stellantis Vigo e le blocca l’accesso ai fondi europei

Il governo spagnolo blocca l’accesso ai fondi europei per Stellantis Vigo che ha in programma di investire 1.300 milioni in tre anni
stellantis
Stellantis

Stellantis Vigo e i suoi 120 fornitori galiziani hanno in programma di investire 1.300 milioni in tre anni, garantendo così l’assegnazione di nuovi modelli e il futuro del settore oltre il 2026, data in cui scade la vita utile stimata dei modelli. (Peugeot 2088 e la gamma di veicoli commerciali Citroën, Peugeot, Opel, Toyota e Fiat dal prossimo anno). Questo piano vuole entrare nel PERTE del veicolo elettrico e connesso, che è l’unica via di accesso alla distribuzione di 3.000 milioni di euro di fondi Next Generation che il governo dedicherà all’industria automobilistica spagnola.

Ma per far parte di PERTE è necessario che i progetti soddisfino una serie di requisiti, tra cui la produzione di batterie per auto elettriche, cosa che il piano galiziano, chiamato Autoáncora, non prevede, poiché Stellantis ha un proprio consorzio di produttori di questo tipo di componenti (gruppo Total) e per l’Europa li monterà in Francia, Germania e Italia.

Lo ha spiegato al Governo spagnolo la multinazionale franco-italiana, e con lo stesso argomento ha chiesto al Ministero dell’Industria di modificare le basi di partecipazione al PERTE. Ma per quanto anticipato ieri dal Segretario generale per l’Industria e le PMI, Raül Blanco, non sono previste modifiche nella formulazione delle basi, e il ministero manterrà l’approccio inizialmente proposto e che si riassume che per poter accedere all’aiuto, devono concordare almeno un produttore di batterie, uno di automobili e uno di componenti.

Questi criteri rispondono alla necessità che i progetti includano “tutti gli elementi della catena del valore” con un impianto di batterie, piattaforme per la produzione di veicoli e la fabbricazione di componenti. Il problema è che, per ora, solo il gruppo Volkswagen, attraverso Seat, ha presentato un progetto che soddisfa tutte le caratteristiche richieste.

Dal ministero chiariscono che c’è ancora tempo, perché il bando per gli aiuti non è stato ancora pubblicato, si farà in gara competitiva e con le stesse opzioni e possibilità per tutti i progetti che si presentano. “Stiamo lavorando all’elaborazione dell’ordine delle basi e della richiesta affinché entro la fine dell’anno questa linea di 3.000 milioni di euro sia già disponibile”, ha affermato Bank, nella Commissione Industria della Camera di commercio spagnola.

Il settore confida che i criteri di selezione non incorporino definitivamente la produzione di batterie come requisito essenziale. “Ci sono 17 fabbriche di automobili in Spagna e non ha senso che tutte includano un impianto di batterie nel loro piano di aiuti. Non è fattibile pensare a 17 fabbriche di batterie”, giustificano.

Ma da fonti vicine alla bozza PERTE, spiegano che si cerca la costituzione di partenariati o consorzi. In altre parole, che Stellantis Vigo è associata a un altro progetto come quello del consorzio guidato da Volkswagen e dalla sua controllata spagnola Seat per la Catalogna, che include un impianto di batterie.

Il problema, come spiega il settore galiziano, è che un consorzio di questo tipo non è possibile, perché le auto Stellantis non utilizzano le stesse batterie di Seat o Volkswagen. “I progetti integrati in Autoáncora consentiranno la necessaria trasformazione per sopravvivere e ancorare saldamente l’attività industriale automobilistica in Galizia in futuro”, ha affermato Stellantis, che insiste sulla necessità per l’industria di rivedere i criteri per la distribuzione dei fondi e su quella produzione le batterie non sono un fattore esclusivo.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share