Alfa Romeo Racing

GP Russia 2019: intervista a Giovinazzi e Raikkonen

GP Russia 2019: intervista a Giovinazzi e Raikkonen

È stato un fine settimana difficile per la Alfa Romeo Racing nel GP di Russia: effettuare il setup della C38 attorno al circuito di Sochi non è stato facile, come hanno dimostrato le tre sessioni di prove libere. È qui che entrano in gioco la grinta e la resilienza: gli ingegneri del team svizzero hanno analizzato i dati, analizzato ogni tipo di informazioni e apportato alcune modifiche alla vettura, cambiamenti che hanno portato a una sensazione migliore per i piloti mentre si avviavano verso le qualifiche.

Sfortunatamente, lo sforzo è stato solo in parte ripagato e la squadra non ha avuto fortuna dalla sua parte. Un piccolo errore in un giro ha visto Kimi uscire in Q1 per pochissimi millesimi proprio a favore del compagno di squadra. Antonio Giovinazzi invece ha tenuto in alto il nome della squadra, ma per la seconda volta consecutiva non è riuscito ad accedere alla Q3 a causa di un piccolo margine – questa volta meno di 0,15 secondi. Avrà ancora una discreta possibilità di lottare per i punti in gara.

GP Russia: le interviste

Kimi Raikkonen: “Finora è stato un fine settimana difficile, ma mi sono sentito molto meglio in qualifica. Abbiamo apportato alcune grandi modifiche per questo pomeriggio e migliorato un po’ la macchina. Stavo migliorando il mio tempo, ma sfortunatamente ho fatto un piccolo errore, andando largo alla curva dieci e ho perso tutta la velocità sul rettilineo. Ecco, sarei stato facilmente in Q2 senza esso“.

Antonio Giovinazzi: “Ho fatto del mio meglio oggi, ma alla fine siamo rimasti leggermente al di sotto della top ten. A partire dalla 12esima posizione di domani [a causa della penalità di Gasly] con la possibilità di scegliere le gomme può essere un piccolo vantaggio. È difficile dire dove ci troviamo quando si tratta del ritmo di gara, ma spero di poter essere competitivo domani. Naturalmente avevamo più voglia di accedere alla Q3, ma se abbiamo un buono spunto al via e una buona strategia possiamo essere in lotta per i punti. Nessuno può prevedere che tempo avremo domani e se inizia a piovere qualcosa può succedere. L’obiettivo è avere entrambe le vetture tra i primi dieci, ma la chiave è continuare a migliorare”.

Notizie Correlate
Alfa Romeo Racing

GP degli Stati Uniti, qualifiche: interviste Alfa Romeo Racing

Alfa Romeo Racing

GP Stati Uniti: le interviste del venerdì ad Alfa Romeo

Alfa Romeo Racing

Hulkenberg: l'unica possibilità di restare in F1 è l'Alfa Romeo Racing

Alfa Romeo Racing

Alfa Romeo Racing: nuovo sponsor con Quintus Technologies