GP Austria: il venerdì della Ferrari

Il venerdì della Scuderia Ferrari per il Gran Premio d’Austria
GP Austria: il venerdì della Ferrari
GP Austria: il venerdì della Ferrari

Sono state particolarmente impegnative le due ore di prove libere di oggi per il GP Austria sul circuito di Spielberg. Guardando i tempi, in particolare quello delle FP2, non sembra essere cambiato molto rispetto a una settimana fa, nel primo giorno di prove libere del Gran Premio della Stiria. In realtà, questo venerdì è stato leggermente diverso in molti modi che devono ancora essere valutati. I fattori principali erano che le gomme Pirelli erano tutte più morbide di una mescola rispetto alla scorsa settimana. Inoltre, le temperature erano decisamente più basse, e per tutti i team era obbligatorio provare il nuovo tipo di pneumatico che sarà introdotto nel prossimo round, il Gran Premio di Gran Bretagna.

Oltre a questo fitto programma, la Scuderia Ferrari aveva anche alcune soluzioni aerodinamiche da confrontare per un possibile utilizzo futuro. Per il momento non è emerso un quadro chiaro e gli ingegneri hanno molto da fare ora per preparare le qualifiche e una gara che sembra essere molto ravvicinata con le altre scuderie. Oggi, infatti i distacchi tra chi sta dietro ai due top team e gli altri sono molto ridotti.

Nella prima sessione, entrambi i piloti sono partiti con la mescola pùi dura, ma presto sono passati a provare lo pneumatico prototipo. Il lavoro successivo è stato una valutazione della mescola Soft C5 Pirelli, l’unica delle tre non utilizzata nel precedente evento di Spielberg. Leclerc e Sainz hanno completato 33 giri ciascuno, stabilendo tempi sul giro molto simili, con rispettivi migliori tempi di 1’05″409 e 1’05″431, che li hanno assicurati al secondo e terzo posto nella classifica dei tempi.

Nel pomeriggio la pioggia ha leggermente complicato le cose. Come di consueto il team ha lavorato sulla preparazione della gara, mandando in pista Sainz e Leclerc con mescole e carichi di carburante diversi. In totale hanno percorso 70 giri (37 per lo spagnolo e 33 per il monegasco). I tempi sul giro – 1’05″620 per Sainz e 1’05″708 per Leclerc – hanno significato poco, visto che sono stati fatti registrare proprio quando le condizioni della pista erano condizionate da un po’ di pioggia.

GP Austria: le interviste ai piloti Ferrari

Charles Leclerc: “È stata una giornata impegnativa, a causa del programma fitto che abbiamo svolto. Abbiamo ancora molte cose su cui lavorare e non credo che i nostri tempi siano rappresentativi. Il principale miglioramento che dobbiamo trovare è al posteriore e dobbiamo anche mettere a punto la macchina per domani. Abbiamo usato per la prima volta la mescola C5 e dobbiamo capire come estrarne il massimo delle prestazioni. Guardando il nostro assetto da gara, direi che sembra solido. In termini di passo in qualifica, non abbiamo ancora trovato il piccolo passo che ci serve per essere più avanti. Continueremo a lavorarci e speriamo di assicurarci solide posizioni di partenza domani“.

Carlos Sainz: “È stata una giornata interessante. Oggi siamo scesi in pista con una macchina molto simile a quella della scorsa settimana, ma sembrava completamente diversa a causa del vento e del cambiamento delle condizioni della pista. Abbiamo provato cose diverse e non ci siamo concentrati sulla tabella dei tempi. Il nostro obiettivo principale era perfezionare la strategia, giocando con l’assetto e cercando di capire sia la nuova mescola Soft che le nuove gomme che Pirelli introdurrà a Silverstone“.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share