GP Arabia Saudita: le aspettative della Ferrari

Pole mancata per 25 millesimi
GP Arabia Saudita: le aspettative della Ferrari

Charles Leclerc e Carlos Sainz inizieranno il GP Arabia Saudita rispettivamente dal secondo e terzo posto in griglia. Il risultato è arrivato al termine di una sessione di qualifiche molto combattuta, durata due ore, con un’interruzione a causa di un terribile incidente che ha visto coinvolto Mick Schumacher. Per fortuna il pilota della Ferrari Driver Academy, che corre per la Haas, sembra essere incolume a qualsiasi grave infortunio. A parte qualche rimpianto per aver perso per un soffio la pole, con Leclerc di appena 25 millesimi più lento di Sergio Perez, al circuito della Corniche di Jeddah, la Scuderia Ferrari ha confermato di essere ancora una volta competitiva.

Come una settimana fa in Bahrain, i due piloti sono riusciti a raggiungere senza troppe difficoltà la Q3, per la top ten. Leclerc è uscito con gomme Soft nuove, mentre Sainz ha optato per un set usato della stessa mescola. Nella prima run il monegasco ha fatto 1’28”445, mentre lo spagnolo ha fatto segnare 1’28”402. Questo ha messo i piloti Ferrari al primo e al secondo posto. Nella seconda manche Sainz non si è migliorato, mentre Leclerc è sceso a 1’28”445, ma alla fine Perez ha strappato la pole per 25 millesimi.

Come era già chiaro dai giorni precedenti, il tracciato della Jeddah Corniche è molto insidioso e le qualifiche hanno dovuto essere sospese due volte con la bandiera rossa. In preparazione alla gara, la squadra dovrà studiare i dati dei long run che solo la mattina di sabato i due piloti in rosso sono riusciti a fare e prepararsi per ogni evenienza. L’anno scorso la gara ha dovuto essere sospesa con bandiera rossa e anche la Safety Car è stata impegnata. Data la vicinanza dei distacchi, il tempismo in termini di pit stop e decisioni strategiche potrebbero giocare un ruolo chiave.

GP Arabia Saudita: intervista ai piloti

Charles Leclerc: “È deludente perdere la pole position oggi perché so di aver fatto un ottimo giro. Il rischio che Checo (Perez) ha corso nell’ultimo settore ha dato i suoi frutti e il suo giro è stato eccezionale. Complimenti a lui per il lavoro ben fatto. Da parte nostra, c’è molto da imparare da questa qualifica. Siamo stati più veloci con le gomme usate che con quelle nuove e dobbiamo capire perché, in modo da poterle mettere in una finestra migliore la prossima volta. Questa mattina siamo stati veloci nella nostra simulazione di gara e sono fiducioso per domani. Una gara in condizioni calde, che si svolge di notte, su un circuito cittadino molto veloce e stretto, dovrebbe essere emozionante”.

Carlos Sainz: “Nel complesso è stata una buona qualifica, mettendo insieme buoni giri ogni volta che uscivamo. È interessante notare che sono stato veloce e più a mio agio con un set di gomme usate usate che con il nuovo set, quindi forse avrei dovuto fare il mio secondo push anche in Q3 con le gomme usate. Lo esamineremo di sicuro. In ogni caso, il feeling con la vettura è stato finora migliore in questo fine settimana e continueremo a scavare nei dati per estrarre il massimo dalla vettura. Ora dobbiamo concentrarci sul domani. Ovviamente l’obiettivo sarà portare in gara il ritmo delle qualifiche di oggi. Abbiamo salvato diversi set per darci diverse opzioni strategiche nel caso la gara diventasse complicata come l’anno scorso, quindi cercheremo di far funzionare tutto. Gareggiamo”.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share