Mercato

Giudice in USA respinge parte del procedimento penale contro ingegnere di Fiat Chrysler

Fiat Chrysler

Un giudice a Detroit martedì ha archiviato una parte di un procedimento penale contro un senior manager di Fiat Chrysler che è stato accusato come parte dell’indagine del governo di barare sui test delle emissioni diesel da parte della casa automobilistica. Emanuele Palma è stato accusato nel settembre 2019 di produrre e indurre Fiat Chrysler a rilasciare dichiarazioni errate ai regolatori statunitensi sui sistemi di controllo delle emissioni dei motori diesel e sulle frodi telefoniche.

Un giudice a Detroit martedì ha archiviato una parte di un procedimento penale contro un senior manager di Fiat Chrysler

Dei 13 conteggi d’accusa, il giudice del tribunale distrettuale degli Stati Uniti Nancy Edmunds ha respinto quattro conteggi e una parte di un conteggio – tutti relativi a frodi telefoniche, stabilendo che la connessione causale tra il presunto inganno e la perdita di denaro dei clienti era “debole nella migliore delle ipotesi”.  Palma, cittadino italiano e ingegnere automobilistico, sarà processata nell’aprile 2021.

L’ufficio del procuratore degli Stati Uniti a Detroit, Fiat Chrysler e gli avvocati di Palma non hanno commentato immediatamente martedì in ritardo. I funzionari statunitensi hanno intrapreso un’indagine ad ampio raggio sulle frodi sulle emissioni diesel nell’industria automobilistica dopo che Volkswagen AG ha ammesso nel settembre 2015 di utilizzare software segreto per eludere le regole sulle emissioni.

Nove persone sono state accusate nelle indagini su Volkswagen, mentre solo Palma è stata accusata nel caso Fiat Chrysler. Due persone incriminate nel caso Volkswagen sono state condannate al carcere dopo essersi dichiarate colpevoli, mentre le altre sette, tra cui l’ex CEO Martin Winterkorn, rimangono all’estero e non si sono mai presentate in tribunale statunitense.

Fiat Chrysler nel gennaio 2019 ha accettato un accordo di 800 milioni di dollari per risolvere le richieste civili del Dipartimento di Giustizia, del California Air Resources Board e dei proprietari di veicoli secondo cui utilizzava software illegale che produceva risultati falsi sui test delle emissioni diesel.

Il mese scorso, la casa automobilistica italo americana ha riconosciuto un nuovo accantonamento di 222 milioni di euro (263 milioni di dollari) per risolvere le questioni principalmente legate all’indagine criminale in corso del DOJ sulle emissioni diesel.

Fiat Chrysler ha detto all’epoca che i colloqui di risoluzione erano in corso e non era chiaro se un accordo sarebbe stato raggiunto. A settembre ha concordato separatamente di pagare 9,5 milioni di dollari per risolvere le accuse della Securities and Exchange Commission secondo cui avrebbe indotto in errore gli investitori sulla sua conformità alle normative sulle emissioni.

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler: ecco come sono andate le vendite ad agosto in Messico

Notizie Correlate
Mercato

Duello fuoristrada estremo: RAM 1500 TRX vs. Ford F-150 Raptor

Mercato

FCA Bank e I3P lanciano “DIGITAL FACTORY”

Mercato

Dodge Viper con quattro ruote posteriori lascia tutti a bocca aperta

Mercato

Cinque anni di FCA Heritage