Alfa Romeo Racing

Il risultato a Monza ha salvato il futuro di Giovinazzi

Il risultato a Monza ha salvato il futuro di Giovinazzi

L’ex secondo classificato della GP2 ha lottato per avere un altro anno al fianco di Kimi Raikkonen dopo aver corso per la prima volta una stagione full-time in Formula 1, segnando solo un punto prima della pausa estiva rispetto ai 31 del compagno di squadra finlandese. Al GP del Belgio a Spa, tuttavia, Giovinazzi stava correndo per la nona posizione nelle fasi finali quando al Pouhon si è schiantato. In molti hanno pensato che tale episodio avrebbe messo in dubbio il suo futuro in Formula 1. “È stato un grande shock per tutti i membri del team perché è stata una buona opportunità“, ha detto Vasseur a Motorsport. “Antonio aveva recuperato dal fondo della griglia e al penultimo giro ha avuto l’incidente”.

Giovinazzi: in Belgio ha corso il rischio di perdere il sedile

Abbiamo avuto una dura discussione con Antonio perché sono proprio questo genere di cose che possono decidere la tua carriera. Stavamo pensando al futuro, ci siamo dovuti sedere la settimana dopo e abbiamo dovuto discutere della situazione e ha avuto un’ottima reazione a Monza. Molta pressione, tonnellate di ospiti, gara di casa per Alfa Romeo, ha tenuto la conferenza stampa con tante domande su Spa. Penso che abbia fatto un ottimo lavoro, la pressione era tutta lì. A Monza e Singapore ha fatto bene. È stato bello avere Antonio in testa alla gara a Singapore. È stata un’ottima reazione“.

All’epoca, la notizia dell’uscita di Nico Hulkenberg dalla Renault aveva iniziato a diffondersi e l’Alfa Romeo era una delle prime opzioni citate a causa della sua associazione con Vasseur e la mancanza di risultati di Giovinazzi. Ma anche notevole è stato il modo in cui l’italiano aveva iniziato a prendere il sopravvento su Raikkonen, in particolare nelle qualifiche.

Nella mia mente, è stato molto importante il modo in cui Antonio ha reagito a Monza“, ha ribadito Vasseur. “Questa è stata la vera spinta. Il problema per Antonio era che non eravamo in grado di esibirci quando era al top. Puoi essere avanti al tuo compagno di squadra ma si nota di meno se è in 14esima o 15esima posizione. Se sei sesto o settimo, tutti parlano di te. Una cosa è mostrare alla squadra e l’altra è segnare punti perché per te, per il paddock, tutti sono concentrati solo sui risultati. È difficile avere un’analisi corretta se non sei coinvolto nella giornata. In qualche modo allevi un peso dalle spalle“.

 

Notizie Correlate
Alfa Romeo Racing

Salo consiglia a Raikkonen di lasciare la F1

Alfa Romeo Racing

Nico Hulkenberg in Alfa Romeo Racing nel 2021?

Alfa Romeo Racing

Alfa Romeo Racing: la parola ai protagonisti dopo il GP di Silverstone

Alfa Romeo Racing

Kubica guiderà l'Alfa Romeo le libere 1 del GP del 70 ° anniversario