Giovinazzi “mentalmente stanco” dopo l’intenso GP di Monaco

Antonio Giovinazzi si è detto mentalmente stanco dopo il difficile Gran Premio di Monaco in cui ha conquistato il suo primo punto stagionale
Antonio Giovinazzi
Antonio Giovinazzi

Antonio Giovinazzi è soddisfatto della sua decima posizione al Gran Premio di Monaco, ma la natura implacabile del circuito lo ha lasciato “mentalmente stanco” in seguito. Il pilota dell’Alfa Romeo ha ottenuto il suo primo punto della stagione e quello della sua squadra dopo aver raggiunto in qualifica la Q3 ed essere arrivato in zona punti nelle strade impegnative di Monte Carlo domenica.

Con l’italiano che è riuscito a salire a bordo della sua macchina nel fine settimana, è stato contento della sua prestazione in ogni sessione intorno al Principato. “È stato un weekend fantastico”, ha detto Giovinazzi, citato da RaceFans . “Fin dalle FP1, la fiducia era tanta. Ieri abbiamo fatto un bel giro per passare alla Q3. I punti, ovviamente, fanno sempre bene alla squadra, soprattutto i primi punti dell’anno.

“Penso che avremmo potuto fare un po’ meglio, forse oggi l’ottavo o il nono posto era possibile. Ma comunque, sono davvero felice e anche una buona motivazione per la squadra “. Il Gran Premio di Monaco di solito comporta una probabilità del 90% di una Safety Car, con il circuito stretto e tortuoso che spesso produce incidenti che devono essere rimossi. In quel lasso di tempo, ai piloti rimasti viene offerta la possibilità di avere un po’ di respiro dalla concentrazione costante richiesta per essere veloci sulla pista da strada più famosa del mondo.

Domenica, però, è stato un lusso non concesso ai piloti, poiché non ci sono stati incidenti in pista che richiedessero l’intervento di una Safety Car, poiché il problema dell’albero di trasmissione di Charles Leclerc significava che non poteva iniziare la gara, mentre Valtteri Bottas ha visto la sua sfida terminare ai box a causa di una gomma anteriore destra che non si è staccata dalla sua Mercedes con il team che non è ancora riuscito a toglierla dalla sua vettura.

Per questo, Giovinazzi dice di essere mentalmente stanco per quella che è già la gara più difficile del calendario, ma rimane soddisfatto del lavoro del suo fine settimana. “Penso che sia il primo Gran Premio di Monaco senza Safety Car, quindi nessuno ha commesso un errore”, ha spiegato l’italiano.

“E’ abbastanza intenso, 78 giri, cercando di essere sempre al limite con molta benzina in macchina, quindi non è stato per niente facile. “Sono un po ‘stanco mentalmente, non fisicamente, ma segnare punti ovviamente è sempre bello e sono davvero felice”.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share