Frank Stephenson spiega come è stata sviluppata la Maserati MC12 in soli quattro mesi

In un recente video Frank Stephenson spiega come ha progettato la Maserati MC12
Maserati MC12
Maserati MC12

Frank Stephenson potrebbe aver iniziato a commentare i progetti di altre persone, ma in un recente video presentato da Jodie Kidd, spiega come ha progettato la Maserati MC12. Il progetto di design è stato speciale, dice Stephenson, per il modo in cui l’auto da corsa e l’auto da strada sono state realizzate fianco a fianco. Il risultato di soli quattro mesi di lavoro, definisce la cronologia “inaudita” per le auto da strada, ma afferma che i progetti di auto da corsa funzionano semplicemente in questo modo, con il team che lavora sette giorni su sette per rispettare i regolamenti.

Accusato da alcuni di essere un Enzo reincarnato, Stephenson si risente per quella descrizione, dicendo che sebbene il motore e il telaio fossero condivisi con la Ferrari, il passo della Maserati è molto più lungo, gli sbalzi sono estesi, l’interno è diverso e il motore è stato modificato.

In effetti, quegli sbalzi sono diventati un problema per l’auto da corsa. Sebbene i primi 25 esemplari fossero lunghi 5 m e 15 cm (202 pollici), la FIA ha cambiato i regolamenti per la serie in cui correva la MC12, limitando la lunghezza complessiva delle vetture a 5 m (196 pollici). Di conseguenza, sia le auto da corsa che le auto da strada hanno dovuto essere accorciate di 15 cm (6 pollici).

Per farlo, Stephenson spiega che hanno tagliato la lunghezza della parte anteriore dell’auto: “Abbiamo cambiato leggermente la parte anteriore e penso che sia molto difficile da vedere”. Una delle altre caratteristiche del design che definiscono l’auto sono gli aggressivi corsi di fasciame sul cofano. In effetti, Kidd li definisce uno dei suoi segnali preferiti. La ragione per loro, però, non è la pura fioritura del design.

“Il motivo è che abbiamo dovuto fare un enorme buco nel cofano”, spiega Stephenson , “e c’è una restrizione su quanto può essere grande quel buco. E se puoi inserire, nella versione stradale, la testa di un bambino in quel buco, allora devi chiuderlo in un modo o nell’altro”. Tutto il suo lavoro è valso la pena, però, perché l’auto da corsa finì per avere un enorme successo ai suoi tempi. Vincendo 40 delle 94 gare a cui ha partecipato, ha vinto sei campionati squadre, due campionati costruttori e sei campionati piloti.

Ti potrebbe interessare: Alfa Romeo: una super sportiva su base Maserati MC20 nel futuro?

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share