Fiat Progetto 363: rivelate nuove informazioni

Fiat ha pubblicato il quinto episodio della sua web series, in questo caso relativo agli apparati di connettività del SUV Progetto 363
Fiat Progetto 363
Fiat Progetto 363

Solo una settimana dopo aver pubblicato il quarto capitolo della sua web series, Fiat ha pubblicato il quinto episodio, in questo caso relativo agli apparati di connettività che il Progetto 363 avrà, il suo futuro B-SUV che non ha ancora un nome definito o a almeno, non ancora rilasciato.

Fiat ha pubblicato il quinto episodio della sua web series, in questo caso relativo agli apparati di connettività del SUV Progetto 363

In questa occasione, il video è interpretato da Ricardo Cavallini, inventore, che cerca di scoprire come lo sviluppo virtuale di un veicolo si connette con il mondo reale. Per farlo, visita il centro di sviluppo del marchio e intervista Flavio Cardoso, responsabile dei servizi connessi di Fiat. Spiega come vengono interpretate le richieste dei clienti per sviluppare ogni sistema, come il sistema di infotainment, i comandi al volante, l’accensione o il selettore della leva del cambio.

Dopo questa spiegazione, Cardoso avanza alcune delle caratteristiche che il Progetto 363 avrà, come la possibilità di accedere a varie funzioni del veicolo tramite uno smartphone o uno smartwatch, informazioni sulla manutenzione, assistenti virtuali, avvisi di guida, chiamata di emergenza, sicurezza e protezione e WiFi 4G a bordo, una grande novità per la gamma Fiat.

Questo sistema consentirà di avviare il motore o il condizionatore da remoto, verificare l’ubicazione dell’unità, ricevere rapporti di manutenzione, controllare la velocità alla quale circola o emettere un avviso nel caso in cui venga superato un limite precedentemente impostato. Questa funzione è destinata ai genitori che prestano il veicolo ai propri figli. Anche in caso di incidente invierà un avviso ai servizi di emergenza.

Teoricamente, questo sarebbe l’ultimo episodio della serie, ma è probabile che nei prossimi giorni il brand continuerà a pubblicare qualche anticipazione in più, visto che il design completo del B-SUV non è stato nemmeno visto.

Il capitolo precedente ha confermato che questo nuovo prodotto utilizzerà un motore turbo, senza chiarire quale o rivelare altri dettagli, quindi dobbiamo completare le informazioni con i dati che sono trascesi fino ad ora: Project 363 utilizzerà il nuovo turbo Firefly 1.0, motore tre cilindri, dotato di tecnologia MultiAir che regola il tempo di apertura delle valvole di aspirazione, turbocompressore a bassa inerzia e collettore di scarico integrato nel coperchio. Per ora la sua potenza esatta è sconosciuta, ma si dice che svilupperà tra 120 e 130 CV.

Il 1.0 turbo fa parte della famiglia Firefly GSE che comprende anche il 1.3 turbo da 180 CV già in produzione a Betim. Quello con la cilindrata più piccola inizierà a essere prodotto in serie durante la seconda metà di quest’anno attraverso un investimento extra di R $ 100 milioni per incorporare una nuova catena di montaggio al complesso industriale e il suo debutto sarà proprio con il B-SUV, lanciato prima della fine dell’anno.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share