Fiat Chrysler dovrà pagare una multa di 30 milioni di dollari in USA

Fiat Chrysler ha dichiarato mercoledì di aver raggiunto un accordo per risolvere un’indagine criminale da parte dei pubblici ministeri statunitensi
Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

L’unità statunitense di Fiat Chrysler ha dichiarato mercoledì di aver raggiunto un accordo per risolvere un’indagine criminale da parte dei pubblici ministeri statunitensi sulla condotta di alcuni ex dipendenti legati allo scandalo di corruzione in corso della United Auto Workers.

FCA US, che ora fa parte di Stellantis, ha dichiarato di aver accettato di dichiararsi colpevole di cospirazione per aver violato il Labour Management Relations Act e di pagare una multa di $ 30 milioni. La casa automobilistica ha anche concordato un monitoraggio della conformità indipendente per tre anni.

Il mese scorso, l’UAW ha accettato di una supervisione indipendente per risolvere un’indagine federale sulla corruzione di cinque anni che ha intrappolato due ex presidenti dell’UAW.

L’ufficio del procuratore degli Stati Uniti ha affermato che la UAW ha rimborsato oltre $ 15 milioni per aver fatturato in modo improprio Ford Motor e FCA per l’assunzione di membri che non lavoravano nei centri di formazione gestiti dal sindacato e dalle società.

L’ufficio di Schneider ha accusato 15 ex funzionari dell’UAW come parte della sua indagine, e gli ex presidenti Gary Jones e Dennis Williams si sono entrambi dichiarati colpevoli di appropriazione indebita di fondi sindacali.

Diversi ufficiali della UAW, inclusi i due ex presidenti della UAW, si sono dichiarati colpevoli di appropriazione indebita di milioni di dollari a loro vantaggio personale, utilizzando i fondi per acquistare liquori e sigari costosi e per pagare le uscite di golf e le relative attrezzature e per soggiornare in hotel costosi.

La UAW rappresenta circa 400.000 lavoratori statunitensi, compresi i lavoratori delle case automobilistiche di Detroit 3 e in altri campi. Al suo apice nel 1979, il sindacato contava circa 1,5 milioni di persone.

L’indagine ha portato la rivale casa automobilistica General Motors a intentare una causa contro Fiat Chrysler l’anno scorso, accusando i dirigenti della società italo-americana di aver corrotto i funzionari della UAW per assicurarsi accordi di lavoro che mettevano GM in una posizione di svantaggio.

Un giudice federale a Detroit a luglio ha respinto la causa di GM che Fiat Chrysler aveva definito “senza merito”. GM ha chiesto a una corte d’appello federale di ripristinare la causa.

Ti potrebbe interessare: La fusione tra Fiat Chrysler e il gruppo PSA porterà grandi responsabilità a Tavares

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti
Total
0
Share