Ferrari: nessun problema con il divieto dei motori a combustione nel 2035

Ferrari
Ferrari

La Ferrari non avrà un modello completamente elettrico nel suo portafoglio fino al 2025, ma il Cavallino Rampante è in realtà entusiasta delle prospettive di un’era esclusivamente elettrica in un futuro non troppo lontano. Come ricorderete, il piano piuttosto drastico della Commissione Europea prevede il 2035 come data limite per la vendita di nuove auto dotate di motori a benzina e diesel.

Ferrari favorevole al divieto di motori a combustione nel 2035

I dirigenti della casa automobilistica di Maranello sono perfettamente d’accordo con questa proposta, che deve essere approvata dai membri dell’Unione Europea prima di entrare in vigore. Il presidente e amministratore delegato della Ferrari, John Elkann, vede il potenziale divieto dell’ICE come “un’opportunità data dall’elettrificazione, dall’elettronica e da altre tecnologie che saranno disponibili e che ci consentiranno di realizzare prodotti ancora più distinti e unici”.

Parlando con gli analisti del settore, i vertici della Ferrari si sono spinti fino a dire “vediamo il regolamento come benvenuto” riferendosi al potenziale divieto di benzina/diesel. È un’affermazione interessante proveniente da un’azienda che di solito associamo ai motori di grande cilindrata, principalmente il suo V12 aspirato. Questo dimostra che il leggendario marchio italiano sta lavorando duramente per adattare il proprio portafoglio a normative sempre più stringenti.

La Ferrari ha compiuto timidi passi verso l’elettrificazione, inizialmente con LaFerrari nel 2013, prima di evolvere la tecnologia negli anni successivi per la SF90 Stradale con un ibrido V8 e la 296 GTB recentemente presentata con un V6 elettrificato. Il Purosangue in arrivo il prossimo anno come primo SUV dell’azienda dovrebbe anche vantare una qualche forma di elettrificazione, e possiamo dire la stessa cosa dell’hypercar ammiraglia prevista tra pochi anni con un’evoluzione del V12.

È sicuro dire che i giorni di un modello aspirato sono contati poiché nemmeno un marchio a basso volume come la Ferrari è immune da leggi sulle emissioni più severe. Mentre il V12 è qui per rimanere per il momento, probabilmente senza seguire il percorso del turbocompressore, viene elettrificato per soddisfare i regolatori.

Il propulsore ibrido plug-in a sei cilindri della 296 GTB è un segno delle cose a venire: ridimensionamento e aggiunta di una spinta ibrida. Probabilmente vedremo questa ricetta frequentemente nei modelli futuri, il che può significare solo che le ultime auto a benzina pura di Ferrari, Lamborghini , ecc. aumenteranno di valore nell’era dei veicoli elettrici.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share