Ferrari

Ferrari entra a far parte dell’ACEA

Ferrari entra a far parte dell'ACEA

La casa automobilistica di lusso italiana Ferrari è diventata l’ultima casa produttrice a far parte dell’associazione europea delle case automobilistiche (ACEA), ha detto martedì la lobby automobilistica. ACEA rappresenta i produttori di autovetture, furgoni, camion e autobus con siti di produzione nell’Unione europea e fornisce dati di riferimento sulle immatricolazioni di veicoli. L’adesione della Ferrari è entrata in vigore il 1° gennaio del corrente anno, in seguito all’approvazione alla fine dello scorso anno da parte del consiglio di amministrazione dell’associazione, che è composto dai dirigenti delle società associate, ha dichiarato ACEA. La Ferrari non ha commentato quanto è successo in questi giorni.

Ferrari entra nell’ACEA

Mike Manley, CEO dell’ex casa madre della Ferrari, Fiat Chrysler, ha assunto l’incarico di nuovo presidente dell’ACEA questo mese. La Ferrari – che è stata incorporata dalla Fiat Chrysler (FCA) nel 2016 – è diventata la sedicesima casa a far parte dell’ACEA, aggiungendo a produttori come le case automobilistiche di lusso BMW e Jaguar Land Rover, ma anche produttori del mercato di massa come il gruppo PSA Peugeot o Ford, nonché produttori di camion e veicoli commerciali come DAF Trucks. La Ferrari è controllata da Exor, la holding della famiglia italiana Agnelli, che controlla anche FCA e il produttore di veicoli industriali CNH Industrial, un altro membro ACEA. Il mese scorso FCA e PSA hanno concordato un accordo vincolante di 50 miliardi di dollari per creare la quarta casa automobilistica mondiale.

Qualcosa si smuove in questo 2020, in termini di aziende ed economica. Sarà interessante analizzare i futuri cambiamenti e le novità che introdurranno le varie case automobilistiche che collaboreranno tra loro. Il gruppo FCA PSA sarà costituito da marchi come Alfa Romeo, Abarth, Opel, Fiat, Peugeot e altre, per un totale di oltre 10 case automobilistiche che condivideranno tecnologie e forse anche motorizzazioni. Si tratta di un accordo probabilmente senza precedenti nella storia del mercato delle automobili.

Notizie Correlate
Ferrari

Mattia Binotto: "Restiamo uniti nonostante le insinuazioni"

Ferrari

Ferrari: "Mick Schumacher è un buon candidato per un posto in Formula 1"

Ferrari

Ferrari: per Briatore dovrebbe puntare su Leclerc piuttosto che pensare a Hamilton

Ferrari

Leclerc: "Nel 2019 tutto è andato meglio di quanto mi aspettassi"