Mercato

FCA: ad aprile Reid Bigland darà l’addio

Reid Bigland

Reid Bigland, il capo delle vendite statunitensi di Fiat Chrysler lascia l’azienda dopo una lunga carriera durata 22 anni dentro il gruppo italo americano culminata con una causa intentata contro il suo datore di lavoro a causa della decurtazione dello stipendio di oltre il 90 per cento che sarebbe stata una sorta di ripicca per aver collaborato con gli inquirenti su un un piano di FCA per pagare i concessionari per denunciare numeri di vendita falsi. La società ha dichiarato che Reid Bigland lascerà la Fiat Chrysler il 3 aprile dopo 22 anni con la compagnia, con l’obiettivo di perseguire altri interessi.

Bigland, 54 anni, era anche a capo del marchio Ram e di Fiat Chrysler Canada. Durante il suo mandato, la società ha visto una forte crescita delle vendite negli Stati Uniti, principalmente con i marchi Jeep e Ram. Ma la sua carriera è stata segnata dallo scandalo delle vendite, che ha costretto Fiat Chrysler a rideterminare i numeri e pagare $ 40 milioni per comporre un reclamo con la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti. I termini della partenza di Bigland non sono stati annunciati.“Tutte le questioni relative alle azioni legali tra Reid e la società sono state risolte in modo soddisfacente per tutte le parti coinvolte”, ha detto Shawn Morgan, portavoce di Fiat Chrysler.

“Reid sta lasciando la FCA da solo e non vede l’ora che arrivi il prossimo capitolo della sua vita”, ha dichiarato Deborah Gordon, avvocato di Bigland. L’amministratore delegato di Fiat Chrysler Mike Manley ha ringraziato Bigland per il suo servizio in una dichiarazione dell’azienda. “Tutti gli auguriamo ogni successo nei suoi sforzi futuri”, ha detto Manley. Bigland ha affermato nella stessa dichiarazione che è stato un privilegio lavorare in Fiat Chrysler e con i concessionari dell’azienda.

A giugno, Bigland ha dichiarato che Fiat Chrysler ha trattenuto il 90% del suo pacchetto retributivo per punirlo per aver testimoniato davanti alla SEC se la compagnia avesse gonfiato le vendite e ingannato gli azionisti. Bigland ha riferito all’agenzia delle pratiche aziendali che a quanto pare risalgono a 30 anni fa. Ha anche detto che la SEC lo ha costretto ad ammettere di aver commesso un errore, ma ha rifiutato.

La società ha trattenuto il pagamento dell’incentivo a lungo termine di Bigland per il 2018, dividendi speciali e un bonus annuale in rappresaglia per la sua testimonianza e perché ha venduto alcuni titoli, secondo la causa. I documenti dicono che i dividendi da soli valgono circa $ 1,8 milioni. A settembre, Fiat Chrysler ha accettato di pagare $ 40 milioni per liquidare una denuncia della SEC sostenendo che la società ha indotto in errore gli investitori sopravvalutando il proprio numero di vendite mensili per un periodo di cinque anni. La casa automobilistica non ha ammesso di aver commesso un errore.

La società ha gonfiato le vendite pagando i rivenditori per segnalare numeri falsi dal 2012 al 2016, secondo la SEC in una denuncia. Fiat Chrysler ha accettato di pagare la sanzione civile e di smettere di violare le normative antifrode, di segnalazione e di controllo contabile interno, ha dichiarato la SEC. La casa automobilistica non ha ammesso o smentito le accuse dell’agenzia. Fiat Chrysler ha dichiarato di aver rivisto e perfezionato le sue procedure di rendicontazione delle vendite.

Leggi anche: La causa di Reid Bigland contro Fiat Chrysler rimarrà a Detroit

 

Notizie Correlate
Mercato

RAM 2500 richiamata in Brasile

Mercato

Fiat Chrysler dona oltre 300 mila mascherine per il viso in Brasile

Mercato

I prodotti Miles di Leasys sono stati lanciati in Europa

Mercato

Mahindra perde la causa contro Fiat Chrysler per aver copiato il modello Jeep