Eni

Eni e Fiat Chrysler hanno sviluppato A20, il nuovo combustibile che combina la riduzione delle emissioni con l’efficienza energetica. In base all’accordo siglato a novembre 2017, Eni e FCA si sono unite per sviluppare il nuovo carburante a basse emissioni: A20. Sfruttando il suo basso contenuto di carbonio, la sua componente biologica e il suo alto numero di ottani, il nuovo combustibile alternativo emette fino al 3% in meno di emissioni di CO2. Ciò è dovuto al suo contenuto di metanolo inferiore al 15%, e solo il 5% di alcol etanolico.

La formula è progettata per ridurre le emissioni dirette e indirette di CO2 secondo le nuove procedure di test per veicoli leggeri armonizzati a livello mondiale (WLTP) ed è compatibile con la maggior parte delle auto a benzina vendute dal 2001, rappresentando più del 60% delle auto a benzina in Italia, equivalenti a circa 12 milioni di veicoli.

Il test iniziale è terminato poche settimane fa e cinque Fiat 500 della flotta Eni Enjoy sono state utilizzate a Milano. In un sistema di car sharing, i veicoli sono stati noleggiati per circa 9.000 volte e hanno percorso 50.000 km durante i 13 mesi di test senza presentare nessun problema, dimostrando una riduzione delle emissioni e prestazioni migliori a causa dell’elevato numero di ottano.

Eni e FCA stanno cercando di migliorare la formula A20 per ridurre ulteriormente il livello delle emissioni di CO2. Il risultato è annunciato come un progresso tecnologico delle due società, con una crescente attenzione per la mobilità sostenibile, essendo un contributo tangibile per ridurre le emissioni e l’inquinamento ambientale.

1 commento

  1. Perche’ alla FCA non stanno mettendo in vendita nessun nuovo modello a Metano?
    Eppure eravamo i primi.Ora ci facciamo sorpassare dai tedeschi?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here