Dodge potrebbe tornare in IMSA su base Peugeot LMH

Stellantis sta valutando il ritorno di Dodge nel campionato IMSA utilizzando il supporto della sua Peugeot Hypercar 9X8
Peugeot 9X8
Peugeot 9X8 Hypercar Launch – 6 hours of Monza – Autodromo Nazionale Monza – Monza – Italy –

Grazie alla convergenza del prototipo appena ratificata tra IMSA, ACO e WEC, Stellantis – l’enorme gruppo automobilistico globale che comprende marchi tra cui Peugeot, Citroen, Alfa Romeo, Fiat, Maserati, Chrysler, Jeep e Dodge – sta valutando il ritorno di Dodge nel campionato utilizzando il supporto della sua Hypercar 9X8 nel WeatherTech SportsCar Championship.

L’innovativa Peugeot LMH è stata presa in considerazione per una campagna IMSA a tempo pieno o parziale con il badge Dodge. A condizione che l’ambizioso interesse vada avanti per completare il programma WEC LMH di fabbrica di Peugeot che debutterà nel 2022, la versione Dodge del 9X8 avrebbe la sua prima opportunità di correre all’inizio del campionato WeatherTech 2023 quando debutterà la classe LMDh e i modelli LMH potranno gareggia a fianco dei prototipi ibridi in un’unica classe unificata.

Al di fuori della sua grande storia nelle competizioni GT, Dodge/Chrysler non è estranea ai prototipi, avendo commissionato un programma LMP1 ufficiale che ha corso alla 24 Ore di Le Mans nei primi anni 2000. La scorsa settimana Peugeot Sport ha presentato la versione concept della sua 9×8 racer, destinata alla competizione nel FIA World Endurance Championship l’anno prossimo.

Il team francese ha colto l’occasione della 6 Ore di Monza di questa settimana per presentare la propria vettura ai media (nella foto sopra) , occasione anche per la prima occasione pubblica per i vertici aziendali di riflettere sull’annuncio della piena convergenza delle regole.

Più significativamente, Jean Marc Finot, Senior VP di Stellantis, ha voluto sottolineare che sia Peugeot Sport che il più ampio Gruppo Stellantis erano ora in un processo di “discussione aperta” sulle potenziali opportunità che il nuovo set di regole avrebbe consentito.

“Anche se abbiamo sentito questa conferma solo una settimana fa, ha certamente portato ad alcune discussioni molto aperte, non solo sul fatto che Peugeot potrebbe aggiungere gare negli Stati Uniti, ma anche sul fatto che la ‘spina dorsale’ di questa vettura potrebbe avere opportunità con altri marchi nel gruppo Stellantis — non ci sono conclusioni, ma ora ci sono discussioni aperte”, ha detto. Il primo è la preparazione del nuovo concetto radicale. L’auto non è dotata di alettone posteriore, generando il carico aerodinamico richiesto tramite l’aerodinamica del pavimento.

“In questo momento siamo completamente concentrati sul FIA WEC, testando e comprendendo questa vettura prima del nostro debutto nel 2022”, ha osservato Finot. “Correremo quando avremo sia le prestazioni che l’affidabilità che vogliamo avere fiducia nel finalizzare l’omologazione. Dopodiché avremo l’omologazione bloccata per diversi anni, quindi è importante presentare la migliore auto possibile prima di fare quel passo. “I progressi del programma determineranno se ci impegneremo a Le Mans nel 2022. Spero di poterci essere, ma la chiave è la visione più lunga e la massima competitività della vettura”.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share