Juan Manuel Correa
Juan Manuel Correa

Juan Manuel Correa è tornato sui social media per pubblicare un aggiornamento sulle sue condizioni mentre continua a riprendersi dalle ferite riportate nell’incidente in cui ha perso la vita Anthoine Hubert in Belgio. Correa ha subito un intervento chirurgico alla gamba destra la scorsa settimana a Londra dopo aver respinto una procedura di amputazione. Il giovane pilota collaudatore di Alfa Romeo Sauber subirà un’altra operazione la prossima settimana, prima di intraprendere un estenuante programma di riabilitazione che dovrebbe durare un anno.

Ecco cosa ha detto Correa nel suo primo post sui social media dopo l’incidente. “Sono tornato, ho deciso di tornare ai miei social media. Sono state cinque settimane molto difficili dall’incidente. Non l’ho mai detto pubblicamente, ma voglio esprimere pubblicamente le mie più sentite condoglianze alla famiglia Hubert. È stato uno shock per tutti che un simile incidente sia accaduto. Non pensi mai che possa succedere qualcosa del genere, soprattutto a te, finché non lo succede.”

“Sono solo grato di essere qui, anche se ovviamente ho ancora una lunga strada da percorrere. Non è ancora chiaro se riuscirò mai a riprendermi al 100%, ma sono molto grato di essere vivo e molto grato per le persone che sono state con me nelle ultime cinque settimane. Sono molto grato per la famiglia che ho e per il sostegno che mi hanno dato. Senza di loro non ce l’avrei fatta.”

“Questo ha davvero cambiato la mia vita, il modo in cui vedo le cose, il modo in cui penso alla vita e tutto in generale. È stata un’esperienza che mi ha cambiato la vita. Tutto il supporto, i messaggi amorevoli di persone che non conosco nemmeno personalmente, li ho letti quasi tutti. Ho trascorso praticamente tutto il giorno a leggere i messaggi, cercando di rispondere a quante più persone possibile”.

“Voglio solo dire che alla fine li leggerò e ce ne sono migliaia. Un giorno lo farò, ma grazie mille perché per me significa molto. Il piano prevede di fare un altro intervento chirurgico il prossimo lunedì e quello sarà l’ultimo intervento qui a Londra. E dopo quello, all’inizio di novembre, dovrei essere in viaggio a Miami per vedere i miei fratelli e iniziare la mia piena riabilitazione. Questa dovrebbe durare, secondo i dottori qui, da 10 mesi a un anno prima che io possa iniziare a dire davvero come sta il mio piede. Vedremo cosa succede, ma sono positivo. Non c’è nient’altro da fare. Posso essere qui e dispiacermi per me stesso ed essere depresso o posso solo andare avanti ed essere positivo e fare il meglio che posso per il recupero “.