Chrysler sacrificata da Stellantis? Ecco perché non dovrebbe succedere

Ecco cosa ne pensiamo sulla situazione Stellantis-Chrysler
Chrysler: come sarà il suo futuro con Stellantis?
Chrysler: come sarà il suo futuro con Stellantis?

Cosa riserva il futuro per il marchio Chrysler? Una volta fiorente, con una linea di modelli inconfondibile che ha ancorato un’intera società, si è ridotta a soli tre modelli: la berlina 300, il minivan Pacifica e il Voyager, una versione a un prezzo conveniente di un minivan della generazione precedente.

Ha senso per Stellantis, la nuova fusione tra Fiat Chrysler e la casa automobilistica francese Peugeot, lasciare che Chrysler continui così com’è, rinforzarlo o uccidere il marchio?

Il CEO di Stellantis Carlos Tavares ha parlato calorosamente di Chrysler alla festa di presentazione aziendale di Stellantis, ma questo non è molto significativo: bisognerebbe vedere effettivamente in quel momento cosa pensava.

La risposta finale dipenderà dalle finanze di Stellantis, ma la storia e la strategia del veicolo forniscono alcune informazioni. “Chrysler fa soldi vendendo minivan“, ha detto l’analista esecutivo di Auto Trader Michelle Krebs. Questo è uno dei motivi per cui la casa automobilistica si è impegnata a costruire veicoli elettrici nella fabbrica di Windsor, Ontario, che produce minivan. D’altra parte, ci vogliono tempo e costosi incentivi per vendere la 300, una berlina sportiva che utilizza un’architettura in produzione dal 2004.

Chrysler ha una minor importanza rispetto a marchi che già hanno chiuso i battenti come Saturn, Pontiac e Oldsmobile. Avevano linee di modelli complete per più veicoli, centinaia di concessionari e ampi budget per il marketing e la pubblicità. General Motors ha risparmiato ingenti somme e ha rafforzato i suoi marchi rimanenti eliminandoli.

Ma Chrysler non ha rivenditori indipendenti; le concessionarie vendono anche Jeep, Ram e Dodge. Ciò riduce significativamente le spese generali di Chrysler, rendendo più facile rimanere in nero.

Il defunto marchio Mercury di Ford è una storia più premonitrice. Mercury condivideva le concessionarie con Lincoln e vendeva una linea limitata di veicoli molto simili ai modelli con marchio Ford. Quest’ultimo ha speso molto poco per lo sviluppo o il marketing dei prodotti Mercury.

Ottenne ancora meno in cambio. Nel tempo, le vendite di Mercury sono diminuite fino a quando il prezzo che poteva addebitare non giustificava nemmeno il modesto denaro e gli sforzi spesi per differenziare i veicoli da Ford.

D’altra parte, Ford non è riuscita a convertire tutti gli acquirenti Mercury in clienti Ford. Anche i brand deboli hanno fan ed è difficile trasferire i clienti da un marchio all’altro. “È relativamente facile lasciare che Chrysler vada avanti per un po’, ma a un certo punto, le decisioni sui prodotti devono essere prese“, ha detto Stephanie Brinley, analista senior di IHS Markit. “Come prendi queste decisioni se il marchio non ha significato?”

Chrysler rappresenta qualcosa?

Non è del tutto chiaro se Chrysler debba sostenere qualcosa oggi. Si potrebbe sostenere che la linea di prodotti irrisoria e la rete di concessionari condivisi ne fanno un organo rudimentale. Stellantis potrebbe semplicemente ignorare Chrysler fino a quando non diventa un “peso”.

La BMW Serie 3 esemplifica un veicolo con un marchio forte e distinto e immagini individuali. “BMW” promette una serie di valori: stile, prestazioni, controlli sconcertanti. L’etichetta “serie 3” distilla questi valori in un modello specifico: una berlina sportiva compatta.

A differenza di BMW, “Chrysler” non ha una connotazione chiara, generalmente compresa. “Chrysler Pacifica” è meno un messaggio in due capitoli che un nome a doppia canna, l’equivalente automobilistico di Billy Bob o Jean-Luc.

Tavares, ha detto che Stellantis è “molto entusiasta di supportare un rimbalzo del marchio Chrysler“. Bel sentimento, ma quando la torta viene tagliata e la giarrettiera è stata catturata, la storia mostra che ci sono più soldi da fare aggiungendo un modello a Jeep o Ram che creare una nuova Chrysler.

Potrebbe volerci un po’ per Stellantis per determinare come vuole andare avanti con Chrysler“, ha detto Brinley. “Non è la questione più urgente, ma penso che ci sarà un nuovo sforzo per posizionare il marchio nei prossimi anni“. I fan di Chrysler – e ce ne sono alcuni – non dovrebbero contare su nuovi modelli per salvare la situazione.

Ricordate le audaci promesse di Fiat Chrysler secondo cui l’Alfa Romeo avrebbe sviluppato una famiglia di veicoli e sarebbe diventata un importante centro di profitto? La direzione ha promesso una famiglia completa di berline sportive e SUV che avrebbero generato centinaia di migliaia di vendite e riportato la grandezza dell’Alfa.

In realtà, l’Alfa ha una nuova berlina sportiva e un unico SUV. Entrambi veicoli divertenti ed esuberanti, ma non c’è stato alcun seguito e non c’è stato alcun boom delle vendite.

Il marchio Chrysler è in declino da molto tempo. Potrebbe non esserci alcuna percentuale nell’eliminarlo, ma non contare sul fatto che Stellantis trovi un metodo per renderlo un brand di riferimento.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share