La FIA esaminerà l’allungamento della cintura di sicurezza nell’incidente di Sainz a Monza

L’incidente di Carlos Sainz è sotto indagine per capire meglio le dinamiche
La FIA esaminerà l'allungamento della cintura di sicurezza nell'incidente di Sainz a Monza
La FIA esaminerà l’allungamento della cintura di sicurezza nell’incidente di Sainz a Monza

Come tutti ricorderanno Carlos Sainz è andato in testacoda alla Chicane Ascari durante la seconda sessione di prove libere di sabato mattina, provocando un impatto piuttosto pesante. Le riprese a bordo dell’incidente hanno evidenziato quanto sia stato fortel’impatto, con Sainz che è stato lanciato abbastanza in avanti verso il suo volante.

La Ferrari sta attualmente conducendo le proprie indagini sull’incidente utilizzando le telecamere dell’abitacolo ad alta velocità della FIA obbligatorie, nonché altri dati di telemetria, per ottenere un quadro completo dell’incidente e delle sue conseguenze.

E mentre al momento non è chiaro se il casco di Sainz sia entrato o meno in contatto con il volante, ciò dovrebbe risultare chiaro da qualsiasi analisi condotta da Ferrari e dalla FIA. Il modo in cui Sainz è stato lanciato in avanti nell’incidente ha causato un certo allarme da parte degli osservatori, perché sembrava un movimento piuttosto insolito. Tuttavia, la FIA afferma che è normale che le cinture di sicurezza cedano un po’ negli impatti poiché è più sicuro per il corpo umano rispetto a quando sono completamente rigide.

Le indagini sull’incidente di Carlos Sainz

Il direttore di gara della F1 Michael Masi ha spiegato: “Penso che le cinture siano fatte per allungarsi. Hai un corpo umano lì dentro, quindi ci deve essere un po’ di ‘gioco’. Non puoi semplicemente tenere tutti completamente legati perché ci deve essere un po’ di morbidezza nelle cose. Quindi esamineremo l’allungamento della cintura, come facciamo con qualsiasi incidente importante o incidente significativo del genere, e vedremo cosa possiamo imparare da esso”. Alla domanda se ci fosse un elemento delle cinture forse troppo allungato nel caso di Sainz, Masi ha detto: “Forse. E proviamo ad imparare da esso”.

Mentre alcuni avevano suggerito che l’HANS di Sainz si fosse allentato nell’incidente, lo stesso spagnolo ha dichiarato che non era così. Le foto dopo l’incidente mostravano anche le sue cinghie HANS in posizione. “Era solo che l’impatto è stato così pesante che la mia testa è andata parecchio in avanti e mi sono portato delle cinture, ma non l’HANS”.

La FIA afferma che indagare sugli incidenti dopo ogni fine settimana di F1 è stato un processo essenziale per portare avanti ulteriori miglioramenti della sicurezza. Masi ha aggiunto: “Sono sempre incoraggiato da tutte le caratteristiche di sicurezza e dal continuo miglioramento della sicurezza che abbiamo. Guarda l’incidente di Carlos nelle FP2. Anche se non sembrava pesante, è stato un impatto piuttosto grave. Che si tratti dell’halo, di equipaggiamento, di design dell’auto, di tutto, c’è sempre quella costante evoluzione del miglioramento della sicurezza nel suo insieme“.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share