Alfa Romeo ringrazia il motore Ferrari per avergli ispirato il cambiamento

Alfa Romeo ha ammesso che le scarse prestazioni del motore Ferrari gli hanno ispirato il cambiamento
Alfa Romeo Racing Orlen
Alfa Romeo Racing Orlen

Se la Ferrari non avesse prodotto un motore così scadente nel 2020, l’Alfa Romeo sarebbe potuta mancare del coraggio necessario per evolversi. Dopo che una serie di direttive tecniche relative ai motori nel 2019 ha coinciso con un calo delle prestazioni per la Ferrari, i loro problemi sono cresciuti ulteriormente quando la Scuderia è crollata nella fascia bassa della griglia nel 2020.

Con un motore poco performante, la Ferrari non è stata l’unica squadra ad avere avuto un impatto con i propri clienti Alfa Romeo e Haas anche significativamente ostacolati. Ma questo era in effetti il ​​campanello d’allarme di cui Alfa Romeo aveva bisogno.

Le cose sono cambiate nel 2020 con solo otto punti in tutta la stagione, rispetto ai 57 del 2019, con quella debole unità di potenza. Ma le fortune non sono davvero migliorate nel 2021 poiché l’Alfa Romeo subisce una grande ricostruzione, concentrandosi completamente sui nuovi regolamenti 2022 mentre cercano di risalire la griglia. Il merito va quindi alla Ferrari per aver innescato quella revisione all’Alfa Romeo.

“Penso che il 2020 sia stata una stagione molto dolorosa per noi, ma ci sono molti aspetti positivi quando guardo indietro perché ci costringe a mettere in discussione tutto e non solo a prendere la via facile e dire ‘siamo tutti consapevoli della situazione con il potere unità’”, ha dichiarato a The Race il direttore tecnico dell’Alfa Romeo Jan Monchaux .

“Abbiamo affrontato un esercizio di ispezione estremamente difficile, una revisione a 360 gradi che metteva in discussione la nostra metodologia, la galleria del vento, la simulazione [strumenti], assolutamente tutto. E abbiamo anche elencato le cose che dovremmo avere in atto e che non dovevamo assicurarci che quanto sviluppiamo nella galleria del vento, si traduca in prestazioni in pista.

“Ho visto molti segnali molto incoraggianti in cui abbiamo fatto un passo, che non sono sicuro che avremmo fatto se non avessimo avuto quel colpo sul lato power unit che ha rovinato l’intera stagione. “Quindi le cose sono cambiate internamente in termini di metodologia, di cui discutevamo da alcuni anni ma non abbiamo avuto il coraggio di fare perché nel 2018 e nel 2019 andavamo regolarmente a punti. Cambiare un sistema che sembra progredire e generare risultati positivi è una decisione difficile che la squadra forse non ha avuto il coraggio di prendere.”

Ti potrebbe interessare: GP Belgio: anteprima Alfa Romeo Racing

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share