Alfa Romeo Racing

Alfa Romeo Racing: “Concentrati in Giappone per andare a punti”

Alfa Romeo Racing: "Concentrati in Giappone per andare a punti"

La Formula 1 farà tappa in Giappone domenica prossima, più precisamente sul circuito di Suzuka e Alfa Romeo Racing è, logicamente, una delle scuderie partecipanti. Dirigersi verso Suzuka (per inciso, uno dei più grandi Paesi per le corse automobilistiche da sempre) significa immergersi in un mondo di energia, colore e divertimento senza limiti.

I fan in Giappone prendono sul serio il loro ruolo: è possibile assistere a elaborati copricapi, ampie collezioni di merchandising e bizzarri bigiotteria su ogni tipo di sport. Vuoi un cappello con DRS? Lì c’è tutto! Addirittura la replica delle tute dei piloti.

Ma non sono solo gli accessori a rendere unica la corsa in Giappone. È la conoscenza – quasi enciclopedica – che gli appassionati locali hanno: ogni dettaglio oscuro della vita dei loro piloti preferiti non è più un segreto. Lo stesso vale per la storia della squadra e anche degli aspetti tecnici delle loro auto.

Tutti i piloti – e anche molti membri del team – sono accolti da applausi e onde. Sono riempiti di affetto e hanno ricordato le loro precedenti visite nella Terra del Sol Levante – fino alle conversazioni individuali che hanno avuto con fan specifici. È una dimostrazione di amore mai vista altrove. È qualcosa di speciale.

Alfa Romeo Racing: intervista ai protagonisti

Frédéric Vasseur, Team Principal: “Ci dirigiamo in Giappone con l’impegno e la motivazione per tornare immediatamente a punti. Non dobbiamo dimenticare il duro lavoro effettuato quindi mettere entrambe le macchine in top ten è un obiettivo realistico: ma sentiamo ancora che avremmo potuto portarci a casa molto di più nelle ultime gare. La conformazione di Suzuka è abbastanza diversa da Sochi e Singapore, quindi si spera che si adatti meglio alla C38 e ci riporti nelle posizioni di rilievo. Sia in pista che nella sede centrale, dobbiamo continuare a lavorare sodo per estrarre il massimo dalla nostra auto: i guadagni marginali sono tutto quello che serve per passare dalla P12 alla P7 in una gara in questa fase della stagione”.

Kimi Räikkönen: “Le ultime quattro gare sono state deludenti per me e per il team, ma non dovremmo dimenticare di essere stati forti in Belgio e in Italia nonostante i problemi che mi hanno impedito di andare a punti. La chiave è recuperare la forma che avevamo prima e immediatamente dopo la pausa estiva: il divario tra i nostri avversari di centro gruppo non è grande e si spera che un circuito come Suzuka possa aiutarci a ottenere il massimo dalla nostra auto. È un tracciato che mi piace e i fan sono incredibili, quindi non vedo l’ora che arrivi il fine settimana”.

Antonio Giovinazzi: “Suzuka è uno di quei tracciati storici su cui tutti vogliono fare bene. È un layout molto impegnativo e guidarlo su un’auto di Formula 1 per la prima volta sarà un’esperienza nuova. Ho fatto una buona serie di gare prima della Russia e so che potremo essere di nuovo a quel livello in Giappone. È una pista molto diversa dalle ultime che abbiamo corso, quindi speriamo di poter cambiare la nostra fortuna e tornare a punti”.

Notizie Correlate
Alfa Romeo Racing

GP Stati Uniti: le interviste del venerdì ad Alfa Romeo

Alfa Romeo Racing

Hulkenberg: l'unica possibilità di restare in F1 è l'Alfa Romeo Racing

Alfa Romeo Racing

Alfa Romeo Racing: nuovo sponsor con Quintus Technologies

Alfa Romeo Racing

Raikkonen: "Se le gare sono divertenti, a nessuno interessa che le auto siano 10 secondi più lente"