Alfa Romeo Periscopica: come potrebbe essere al giorno d’oggi?

Come sarebbe l’Alfa Romeo Periscopica se fosse progettata oggi?
Alfa Romeo Periscopica: come potrebbe essere al giorno d'oggi?
Alfa Romeo Periscopica: come potrebbe essere al giorno d’oggi?

Questa è l’Alfa Romeo Periscopica e anche se non porterà alla realizzazione di un’auto di produzione che funzionerà realmente, è uno degli studi di design indipendenti più belli che abbiamo incontrato in tutti questi anni.

L’auto è stata progettata da un lettore di Carscoops Aditya Narayan ed è stata creata per celebrare il 111° compleanno dell’Alfa Romeo. Rende omaggio a diverse vetture da corsa del passato Alfa Romeo: ritroviamo infatti dei segni distintivi degli anni ’60, in particolare la Tipo 33 Periscopica del 1967.

Il design moderno dell’Alfa Romeo Periscopica

Il concept prende la forma di un’auto da corsa ribassata all’inverosimile e il frontale si fa subito notare grazie ai fari circolari e alla piccola griglia frontale. I massicci cerchi firmati BBS si inseriscono perfettamente sotto i grandi passaruota. Se vists di lato, noterai che la Alfa Romeo Periscopica non ha un tetto rigido e ha grandi prese d’aria dietro le porte. Anche la presa d’aria di tipo air scope sul tetto attira l’attenzione e richiama proprio le vetture da corsa degli anni Sessanta.

Il render del prototipo realizzato da Narayan è forse ancora più bello se visto dal retro grazie a un cofano basso e una copertura per il motore, luci posteriori a LED circolari e doppi terminali di scarico. Gli interni della Alfa Romeo Periscopica sono intriganti almeno quanto l’esterno. Direttamente davanti al guidatore si trova un volante a tre razze piatto e sottile e un semplice quadro strumenti circolare.

L’auto presenta quindi una serie di cinque display circolari in cui normalmente vedresti uno schermo di infotainment. Inoltre, Narayan ha progettato l’Alfa Romeo dei suoi sogni con una leva del cambio per aumentare il coinvolgimento del pilota. Narayan attualmente ricopre il ruolo di responsabile del design presso Ford e ha svolto un ruolo nella progettazione della Ford Mustang 2016 e della Mustang Mach-E. Dunque, parliamo comunque non di una persona qualsiasi, ma di un vero e proprio professionista del settore. Potrebbe Alfa Romeo prendere in considerazione questo render?

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share