Alfa Romeo motorizzata Mercedes nel 2022?

Sauber, che attualmente corre con il marchio Alfa Romeo, sarebbe in trattative per lasciare la Ferrari e avere motori Mercedes dal 2022
Alfa Romeo Racing
Alfa Romeo Racing

I social network nelle scorse ore sono entrati in subbuglio con la notizia che la Sauber, che attualmente corre con il marchio Alfa Romeo, sarebbe in trattative per lasciare la Ferrari e avere motori Mercedes dal 2022. L’origine di queste informazioni è il sito tedesco Sport1 . Secondo loro, uno dei proprietari della squadra, Finn Rausing (uno dei miliardari svedesi venuti con Marcus Ericsson), avrebbe discusso con Ola Kallenius, ora amministratore delegato di Daimler, la casa madre della Mercedes.

Sulla scia di questa conversazione, oltre a Bottas, arriverebbe anche Nick De Vries, altro pilota protetto dalla Mercedes. Proprio per questo motivo si sta prendendo in considerazione il suo nome alla Williams, che ha un accordo tecnico con i tedeschi fino al 2025.

Il matrimonio Sauber/Mercedes sarebbe la riedizione di un sodalizio durato dieci anni. La squadra svizzera è stata la porta d’ingresso per il ritorno ufficiale dei tedeschi alle competizioni. Dapprima con i prototipi e poi con la stessa F1. Il team svizzero è entrato nella categoria nel 1993 con un forte sostegno, ma a causa di problemi finanziari l’anno successivo è passato alla McLaren e il resto è storia.

La narrazione non è priva di interesse, tuttavia, è necessario guardarla con serenità. Sauber e Alfa Romeo hanno annunciato poche settimane fa il rinnovo del loro contratto di sponsorizzazione fino al 2024. Nonostante si dicesse che il contratto sarebbe stato valutato ogni anno e che la Ferrari non avrebbe avuto tanta influenza sulla scelta dei piloti, è difficile credere che un’auto società di proprietà di una megacorporazione (l’Alfa Romeo è ora sotto la guida di Stellantis, frutto della fusione tra PSA e FCA) accetterebbe di utilizzare il motore di un’ un gruppo concorrente.

Pur non essendo più formalmente parte del gruppo FCA, e quindi di Stellantis, la Ferrari è ancora legata in modo ombelicale a questo gruppo grazie alla partecipazione dell’azienda della famiglia Agnelli, Exor. Attualmente, l’indizio più convincente è la presenza di John Elkann. Il nipote di Gianni Agnelli, artefice dell’espansione Fiat negli anni ’60 e ’70, fino a questa settimana ha ricoperto la carica di amministratore delegato e presidente del consiglio di amministrazione della Ferrari, oltre ad essere presidente del consiglio di amministrazione di Stellantis. In questo modo, Ferrari e Alfa Romeo continuano ad avere molto in comune.

Oggi, il regolamento sportivo della F1 stabilisce che un fornitore non può fornire più di tre squadre senza l’approvazione della FIA (punto 8.3). Ma che questa autorizzazione è legata all’accordo degli altri fornitori (punto b dell’allegato 9 del regolamento sportivo). La Mercedes mette a disposizione quattro squadre, ma ha ottenuto l’approvazione delle altre. In una consultazione fatta dalla Red Bull quando ha annunciato il ritiro della Honda, Toto Wolff ha informato che non poteva fornire un’altra squadra, ma il contesto era diverso. Devi equipaggiare un diretto concorrente?

E c’è anche l’aspetto politico: se non cambiasse l’attuale composizione, i tedeschi avrebbero metà della rete sotto la loro responsabilità. Anche la Ferrari non sarebbe interessata a questo squilibrio di potere e Renault attende con impazienza una partnership per aumentare il suo sviluppo. Forse per soddisfare le esigenze della Sauber, una squadra dovrebbe lasciare la Mercedes. Ma chi ? Sebbene possa essere fattibile, un tale cambiamento sembrerebbe realizzabile anche per il 2023. Ma per il 2022, non sembra così probabile. Ma la F1 è piena di storie improbabili.

Ti potrebbe interessare: Stellantis rallenta in Italia ad agosto, malissimo Alfa Romeo

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
1
Share