News

Alfa Romeo Montreal: la classica italiana sottovalutata

Alfa Romeo Montreal: la classica italiana sottovalutata

La Montreal dell’Alfa Romeo è roba leggendaria. È stata vista per la prima volta in forma concept all’Expo 1967 della sua omonima città, e conquistò il cuore delle masse e non passò molto tempo prima che i piani di produzione fossero in atto. Mentre la concept car montava il motore da 1,6 litri dell‘Alfa Romeo Giulia TI e il telaio a passo corto dell’Alfa Romeo Giulia Sprint GT, il modello di produzione che debuttò al Salone di Ginevra del 1970 fu una bestia completamente diversa. Il 33 V8 iniettato a benzina sovradimensionato da 197 CV, era accoppiato a un cambio manuale ZF a cinque marce – lo stesso della Aston Martin DBS – e un differenziale a slittamento limitato. Il telaio che includeva sospensioni a doppio braccio oscillante con molle elicoidali e ammortizzatori nella parte anteriore, sono stati presi dalla coupé Giulia GTV. Ma un aspetto che è rimasto, per la maggior parte, invariato, è stata la carrozzeria di Marcello Gandini – l’uomo che ha dato vita alle Lamborghini Countach e Miura. Progettata durante il suo mandato alla Bertone, Montreal fu una sorprendente fastback in stile transatlantico, con un cenno sempre sottile verso le curve della Miura.

Alfa Romeo Montreal: la classica italiana sottovalutata

Alfa Romeo Montreal: la classica italiana sottovalutata

La storia di un esemplare di Alfa Romeo Montreal

Ne furono costruite circa 3.900, la maggior parte delle quali con guida a sinistra. Ma ce n’erano alcune – 180 per essere precisi – destinate all’America, con un volante con bordo più sottile e, soprattutto, montato sul lato destro. Il perché del diverso volante, nessuno lo sa, ma un proprietario di un tale modello ci assicura che rende piuttosto difficile entrare e uscire dall’auto.
Grahame May fece l’ammissione al Good Breakfast Sunday Car Club di Goodwood. “La vernice è stata ridipinta circa 30 anni fa“, ha spiegato quando ho osservato la brillantezza. “E quando l’ho presa, l’ho passata con un blocco di argilla per ottenere una finitura davvero buona, che è un buon modo per rimuovere eventuali imperfezioni nella vernice“. L’ingegnere marittimo May la possiede dal 2008, quando l’ha acquistata per 12 mila sterline. Al giorno d’oggi, il suo valore è di 66 mila sterline.

Non riuscivo a capire perché non fossero più soldi quando l’ho comprata, perché sono un’auto così unica“, ha detto. “Penso che il problema principale sia che nei primi tempi non esisteva Internet e quindi era difficile trovare consigli su come effettuare manutenzione, perché è un po’ un kit tecnico con quella pompa di iniezione, quindi penso crei seccature. Poi però la stima dei prezzi è cambiata e ora mia moglie scherza sempre sul fatto che vuole vendere la sua metà. ”Acquistata da un costruttore di utensili in pensione, la macchina aveva percorso 80 mila chilometri. Faccio forse 300 chilometri all’anno, e quindi ogni volta che la porto fuori è come se fosse una nuova esperienza per me, soprattutto rispetto alle auto moderne – lo sterzo non è assistito dalla tecnologia quindi devi girare davvero quella ruota . È davvero molto pesante, ma una volta che sei in movimento, va bene. È una bella macchina da guidare e l’accelerazione è buona, con anche un bel rumore V8. Ha 200 cv“, continua May. “Da 0 a 100 km/h accelera in 7,6 secondi, il che è ottimo, ma la cosa principale di queste auto quando erano nuove era che erano molto, molto costose: costava quanto due Jaguar“.

Notizie Correlate
News

HMS Racing Alfa Romeo: nessun ritorno per il 2020

News

Alfa Romeo Tonale Concept al Salone di Los Angeles 2019

News

Alfa Romeo Tonale: le immagini rubate non sono del modello di produzione

News

Alfa Romeo 4C: il tuning che costa 55 mila dollari