Alfa Romeo: ecco cosa prevede Imparato per il futuro del marchio

Imparato ha detto chiaramente cosa prevede per il futuro di Alfa Romeo e come intende rilanciare il marchio
alfa romeo imparato

Attualmente Alfa Romeo vende solo due modelli, la berlina media Giulia e il crossover medio Stelvio. Il prossimo modello del marchio, il crossover Tonale posizionato sotto lo Stelvio, è un lancio chiave perché il mercato di tali veicoli è in forte espansione in tutto il mondo. Imparato ha detto di aver chiesto al suo team di migliorare le prestazioni della versione ibrida plug-in del Tonale, che dovrà essere disponibile al lancio del veicolo. Ciò ha ritardato di tre mesi l’inizio delle vendite. Quindi Tonale sarà in vendita nel giugno 2022, ha detto.

Un crossover più piccolo posizionato sotto il Tonale verrà lanciato nel 2023. Sarà costruito insieme alle versioni Jeep e Fiat a Tychy, in Polonia. Imparato ha detto che i problemi di Alfa non sono stati causati dalla sua formazione. “I nostri due modelli attuali sono fantastici”, ha detto.

Ha rifiutato di discutere ulteriori annunci di prodotti, tranne per dire che il marchio dovrebbe entrare solo nei segmenti in cui può realizzare i giusti volumi e i giusti profitti. “Ogni investimento deve portare un ritorno positivo”. Alfa Romeo sta lavorando a un nuovo piano quinquennale, che verrà presentato una volta approvato e finanziato da Stellantis e a uno a più lungo termine , che prevede un arco temporale di 10 anni. A differenza dei suoi predecessori, Imparato non rivelerà integralmente il piano quinquennale.

“Non farò promesse che non posso mantenere. Alla fine di ogni anno sveleremo il programma dell’anno successivo “, ha detto. Un’altra rottura con il passato è che nessun obiettivo di volume per Alfa sarà divulgato pubblicamente . Ciò è in linea con la pratica di PSA.

L’ex CEO di FCA Sergio Marchionne in passato ha svelato diversi piani per aumentare le vendite annuali di Alfa a 400.000 o più veicoli. Le vendite del marchio hanno raggiunto il picco di 233.000 unità alla fine degli anni ’80, ma la produzione è scesa a meno di 60.000 nel 2019 e nel 2020, secondo fonti sindacali. FCA non fornisce dati sulle vendite globali per marchio. Le vendite caleranno ulteriormente quest’anno, dopo che la berlina compatta Giulietta è stata interrotta alla fine del 2020.

“Non dirò che vogliamo arrivare a 400.000 unità perché non sono interessato. Ovviamente abbiamo delle previsioni sul volume, ma non le riveleremo perché non è il nostro obiettivo principale “, ha detto Imparato. Il suo nuovo team si concentrerà sui margini per unità e sul potere di determinazione dei prezzi.

Imparato mira a portare l’Alfa Romeo al livello di prezzo dei suoi concorrenti premium tedeschi, più o meno l’1 percento. “Per raggiungere questo obiettivo, è necessario competere sul costo totale di proprietà, che è influenzato dal valore residuo e dalle emissioni di CO2”, ha affermato. Imparato è rimasto positivamente sorpreso dal livello di consapevolezza del marchio Alfa Romeo nel mondo. Il marchio ha il potenziale per essere il marchio premium globale di Stellantis perché gode di un grande riconoscimento del marchio non solo in Europa, ma anche negli Stati Uniti e in Cina, ha affermato.

Crede che la qualità delle attuali vetture dell’Alfa sia già alla pari con quella dei concorrenti tedeschi. Il suo compito è convincere il mercato che il valore residuo di quelle auto dopo 60.000 km o 90.000 km è paragonabile a quello di rivali tedesche come BMW. “Voglio che i nostri valori residui colmino il divario con i nostri rivali in 3-4 anni”, ha detto Imparato.

Per raggiungere questo obiettivo, l’Alfa non deve vendere le sue auto “a buon mercato”, ha detto. “Non voglio vedere Km zero ovunque, né manovre di importazione / esportazione.”

Alfa Romeo mirerà a un mix di canali globali del 45% di clienti privati, 45% di flotte rilevanti e un massimo del 10% di vendite dirette e vendite in altri canali. “La nostra strategia commerciale deve mirare ad avere dal 60 all’80% delle auto costruite su ordinazione, per mantenere le nostre scorte a un livello magro”, ha detto Imparato .

Il design sarà un elemento chiave per rendere le auto Alfa più attraenti. “Alfa dovrebbe suscitare una reazione viscerale. La vedi, la compri “, ha detto.

“Quando entravi in un’Alfa 1750 GT [coupé degli anni ’60], l’abitacolo diceva che eri seduto su un’Alfa Romeo. Voglio reinterpretare per il futuro il linguaggio stilistico del passato ”, ha detto.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
1
Share