Ad Imparato piacerebbe riportare in vita Alfa Romeo GTV e Duetto

Il nuovo CEO di Alfa Romeo Imparato non esclude in futuro il ritorno di GTV e Duetto ma prima deve rilanciare il marchio
Alfa Romeo GTV e 8C cancellate?
Alfa Romeo GTV e 8C cancellate?

Il neo-insediato CEO dell’Alfa Romeo Jean-Philippe Imparato ha espresso un forte desiderio di riaccendere la passione che da sempre è sinonimo del marchio italiano, e tra la sua lista dei desideri c’è spazio anche per Alfa Romeo GTV e l’Alfa Romeo Duetto (Spider). “Sono molto interessato alla GTV”, ha detto in occasione del lancio internazionale delle nuove Alfa Romeo Giulia GTA e GTAm in Italia.

“Non ci sono dichiarazioni o annunci in questa fase, ma ti sto solo dando la mia sensazione personale che sono molto interessato alla GTV.” Imparato ha aggiunto: “Amo anche il Duetto. Mi permetta di portare l’Alfa Romeo a un certo livello di performance economica, e poi ne parleremo. “Ancora una volta, sottolineo che non ci sono annunci in questa fase, ma il GTV … Gran Turismo Veloce … sono molto interessato a questo concetto.”

Il nome Alfa Romeo GTV ha avuto un utilizzo quasi ininterrotto dal 1966 al 2003 (a parte una pausa dal 1986-93) nella gamma di Alfa Romeo. Inizialmente fu applicato a un coupé sinuosa basata sulla berlina Giulia degli anni ’60, prima di essere reinventato nel 1976 in una 2 + 2 derivata dalla berlina Alfetta. Nel suo ultimo avatar (il Tipo 916 dal muso inclinato), il GTV era basato su basi a trazione anteriore (derivate da 155) e presentava un motore a quattro cilindri o V6 montato trasversalmente.

Per quanto Imparato vorrebbe dare il via libera a una moderna Alfa Romeo GTV e Duetto, ha affermato che ci sono questioni più urgenti da affrontare. “In questo momento di grandi cambiamenti per il settore, la prima priorità è proteggere l’Alfa Romeo e guidarla attraverso le sfide relative all’elettrificazione, alla connettività e alla sicurezza”, ha affermato.

“Devo assorbire i costi e i vincoli associati a queste tecnologie, ma allo stesso tempo offrire un po’ di divertimento.” Imparato ha affermato che la chiave per garantire la redditività economica dell’Alfa Romeo risiede nella scelta della tecnologia giusta dal vasto pool di risorse disponibili all’interno del gruppo Stellantis composto da 14 marchi.

“Restando da soli non potremmo sviluppare tutto ciò di cui abbiamo bisogno in termini di elettrificazione, connettività e autonomia”, ha detto, aggiungendo che Alfa Romeo sta per guadagnare un maggiore peso in ricerca e sviluppo poiché ci sono 20.000 ingegneri all’interno del conglomerato Stellantis. Molto è stato scritto sulla presunta morte imminente della piattaforma Giorgio che fornisce le basi per le agili Alfa Romeo Giulia e Stelvio, ma Imparato suggerisce che tali rapporti sono imprecisi.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
1
Share