Vettel spiega il team radio
Vettel spiega il team radio "We had it" nelle qualifiche del GP della Cina

Recentemente è stato rivelato che Lewis Hamilton è il pilota con il più alto numero di punti nella storia della F1, mentre il britannico ha incassato circa 489 milioni di dollari da quando è entrato in Formula 1 nel 2007. Questo lo mette davanti a Michael Schumacher, che si stima abbia guadagnato 464 milioni di dollari nel corso della sua carriera in F1, Fernando Alonso con 458 milioni di dollari, Sebastian Vettel 358 milioni e Kimi Raikkonen 331 milioni. Tuttavia, in termini di premi in denaro guadagnati per le loro squadre, un nuovo rapporto rivela quello degli attuali piloti, e Sebastian Vettel è stato quello che ha fatto guadagnare di più al team.

Sebastian Vettel: un giro di soldi pazzesco

Mentre l’ammontare totale pagato a ogni squadra è un segreto strettamente custodito, è noto al pubblico che nel 2018 il pagamento totale è stato di 913 milioni di dollari.

Il montepremi principale è circa il 47,5% del profitto della Formula 1, che è diviso in due, con metà diviso tra le prime dieci squadre su una scala che varia in base ai risultati di gara, mentre l’altra metà è divisa tra le squadre che hanno finito in la top ten in due delle tre stagioni precedenti.

Nel 2013, è stato rivelato che un ulteriore 7,5% dei profitti sottostanti sono stati assegnati alle prime tre squadre in base al numero di gare vinte nelle quattro stagioni precedenti al 2012, l’anno in cui questo particolare bonus – noto come Costruttori Championship Bonus (CCB) – è stato introdotto. Arriva a circa 100 milioni di dollari ogni anno.

Indipendentemente dal rendimento delle squadre, questo bonus è garantito ed è suddiviso tra Ferrari, McLaren e Red Bull, la squadra di maggior successo nel corso di queste quattro stagioni. Infatti, la squadra austriaca riceve 37 milioni di dollari ogni anno per gentile concessione della CCB, mentre la McLaren ne riceve 33 ​​milioni e Ferrari 30 milioni.

Tuttavia, non dimentichiamo che la Scuderia di Maranello, che ha contestato 975 dei 1.000 Gran Premi che comprendono il Campionato del Mondo di Formula 1 sin dalla sua inaugurazione nel 1950, riceve anche un bonus storico del 5% di quello dello sport utile sottostante che si aggira intorno a 62,2 milioni di dollari. Come i soldi del CCB, questo viene pagato indipendentemente dalle prestazioni in pista della squadra.

Mentre le squadre ricevono questi vari bonus, solo il pagamento del montepremi principale – il 47,5% del profitto di fondo dello sport – si riferisce alla performance, in termini di numero di punti guadagnati che a loro volta decidono la loro posizione nel Campionato Costruttori.

Nella sua analisi dei guadagni dei piloti per le loro squadre, Forbes ha considerato la percentuale di punti guadagnati per ogni squadra dai suoi due piloti, con una serie di fattori che determinano il quadro finale. A parte il successo di una squadra nel segnare più punti dei suoi rivali, c’è il predominio di un pilota sul suo compagno di squadra, senza dimenticare la lunghezza della carriera.

Ci sono da segnalare alcune cose: prima di tutto le cifre si riferiscono ai piloti che si allineano sulla griglia del 2019 e si basano sui guadagni dei premi in denaro fino alla fine della stagione 2018.

Mentre Lewis Hamilton è entrato in F1 una stagione prima di Vettel, e ha cinque titoli per i quattro tedeschi, non dimentichiamoci del 2007, quando la McLaren è stata esclusa dalla classifica del campionato – e quindi il montepremi – come conseguenza della Spy Story.

Inoltre, per quanto riguarda Vettel, il tedesco ha perso solo con un compagno di squadra nella stagione 2014, quando è stato compagno di squadra di Daniel Ricciardo. Hamilton, tuttavia, è stato sopraffatto da Jenson Button nel 2011 alla McLaren, mentre nel 2016 ha perso contro il compagno di squadra Mercedes, Nico Rosberg.

Il picco di Vettel risale al 2008 in Toro Rosso, quando ha segnato l’89,7% dei punti del team di Faenza, in un anno in cui ha anche regalato al team italiano la prima – e finora unica – vittoria. In confronto, la migliore stagione di Hamilton è stata nel 2009 alla McLaren, quando ha rappresentato il 69% del bottino di Woking.

Segnando il 60,7% dei punti della Ferrari nel 2017, Vettel è stato responsabile di circa 49,7 milioni di dollari del premio in denaro di 81,8 milioni di euro ricevuto dal team italiano lo scorso anno, mentre, nello stesso periodo, Hamilton era responsabile di 46,8 milioni di dollari degli 86,1 milioni di dollari pagati a Mercedes, il britannico ha ottenuto il 54,3% dei suoi punti.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here