Tatiana Calderon si è sentita apprezzata in Super Formula

Alfa Romeo Racing Tatiana Calderon
Alfa Romeo Racing Tatiana Calderon

Il collaudatore Alfa Romeo di Formula 1 Tatiana Calderon ha avuto l’opportunità di correre nella più importante serie di monoposto del Giappone nel 2020, ma ha affrontato la sfida di guidare la prima stagione in Super Formula di Drago dal 2016 senza nessun compagno di squadra a guidarla.

Mancando due gare all’inizio dell’anno a causa di limitazioni di viaggio, ha ottenuto un miglior piazzamento al 12 ° posto in due occasioni e, sebbene un problema alla frizione le abbia impedito di lottare per i punti nel finale del Fuji Speedway, è riuscita a ottenere il quinto giro più veloce di la gara.

Riflettendo sulla sua prima stagione di gare in Giappone, Calderon ha descritto la sua stagione di cinque gare con Drago come molto più divertente di qualsiasi delle sue stagioni in altri campionati, che comprendeva tre stagioni di GP3 nel 2016-18 e una in Formula 2 l’anno scorso.

“Qui sono molto più rilassata”, ha detto Calderon. “Penso che faccia un’enorme differenza quando si ha un’atmosfera in cui le persone vogliono che tu vada bene e si impegnano davvero per farti sentire apprezzato.

“Ho avuto questa sensazione quest’anno per la prima volta nella mia carriera. È stato davvero bello. Le persone qui credono in me ed è un modo diverso di lavorare che mi piace davvero.

“Questo è stato uno degli anni in cui mi sono divertita di più e voglio mantenere questa sensazione. Quando sono felice, mi esibisco meglio. Sono molto più felice qui. “

Calderon è arrivato in Super Formula dopo un anno particolarmente difficile in F2, non riuscendo a segnare punti in una campagna segnata dalla morte del suo compagno di squadra HWA Anthoine Hubert.

La colombiana ha detto che ci è voluta gran parte della stagione per ritrovare la fiducia che aveva perso.

“Penso di non essere stata in grado di mostrarmi in F2 perché non ero a mio agio con l’atmosfera e con la macchina stessa”, ha detto Calderon. “Ho perso molta fiducia, quindi ho dovuto riconquistarla.”

“Non ci sono molti scenari più difficili che puoi affrontare come pilota di quello che ho avuto quest’anno: nuova squadra, nessun compagno di squadra, non conoscendo le piste, non essendo mai stato in Giappone. “Sono abbastanza fiduciosa per il futuro di poter continuare a fare progressi perché sento ancora che sto migliorando”.

Ti potrebbe interessare: Tatiana Calderon corre verso la F1 e vuole che altre donne lo seguano

Articoli Suggeriti
Total
0
Share