Stellantis: 800 manifestanti a Douvrin contro il trasferimento in Ungheria della produzione di un motore

Circa 800 persone hanno marciato sabato nei pressi della fabbrica Stellantis a Douvrin per protestare contro il trasferimento della produzione di un motore a benzina in Ungheria
stellantis
Stellantis

Circa 800 persone hanno marciato sabato nei pressi della fabbrica Stellantis (ex-PSA) a Douvrin (Pas-de-Calais) per protestare contro il trasferimento della produzione di un motore a benzina in Ungheria. Secondo i sindacati questi infatti tale trasferimento rappresenterebbe una sorta di “morte programmata” della fabbrica.

“I dipendenti sono molto preoccupati”, ha detto Laurent Dubois (CFTC), chiedendo “il mantenimento dell’occupazione nel nostro sito” fondato nel 1969, dove lavorano circa 1.500 persone.

Secondo i sindacati, l’impianto rischia di non avere più produzione entro il 2025, con la probabile fine della produzione del motore diesel nel 2023 e il trasferimento annunciato a fine febbraio della produzione di motori a benzina di terza generazione EP nello stabilimento Opel di Szentgottard, Ungheria, nel 2023.

“Senza questa produzione, saremo costretti a chiudere la fabbrica. Il trasferimento di di segna la fine per noi”, prevede Joël Petit (CFDT). “La direzione di PSA, sottoposta ad accordi di competitività creati da Stellantis, annuncia il trasferimento” del motore del PE, protesta Régis Scheenaerts, della CGT, che “non era firmataria”. “Quello che sta emergendo è la morte programmata della fabbrica francese.

Un terzo motore è attualmente in fase di rilascio dallo stabilimento, il motore a benzina EB, prodotto anche in altri siti del gruppo. A giugno, il management annuncerà dove verrà prodotta la sua nuova generazione.

All’evento erano presenti dipendenti, residenti e funzionari eletti. “La produzione di un nuovo motore su questo sito di Stellantis è essenziale se vogliamo preservare i posti di lavoro: @StellantisFR deve impegnarsi!”, Ha twittato il presidente del consiglio regionale Xavier Bertrand (ex-LR), candidato alla propria successione, ma anche nelle elezioni presidenziali.

“Dobbiamo smetterla di sovvenzionare le aziende che trasferiscono posti di lavoro al di fuori del Paese”, ha detto il vice Sébastien Chenu (RN) e capo della lista regionale, che vede la situazione dello stabilimento come “l’ennesima prova del fallimento del mandato di Xavier Bertrand”.

Per il deputato Bruno Bilde (RN), presente anche lui, “il nostro territorio, gli sforzi e il know-how dei dipendenti non devono essere disprezzati per interessi economici a breve termine!”. La costruzione di una “mega fabbrica” ​​di batterie per auto elettriche dal 2022, sotto l’egida della joint venture Automotive Cells Company (ACC) – che riunisce Stellantis in parti uguali con lo specialista francese di batterie Saft, filiale di Total – non rassicura i sindacati.

“Non assorbirà i posti di lavoro persi”, secondo Mr. Petit. Secondo la direzione dell’ACC, che ha presentato il progetto il 16 febbraio, questo impianto potrebbe generare tra 1.400 e 2.000 posti di lavoro entro il 2030. “L’ACC consentirà di rilevare alcuni dipendenti dal 2023 (…) si stanno elaborando le condizioni per il trasferimento”, ha assicurato un portavoce del gruppo Stellantis.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
1
Share