Mick Schumacher sarà pilota di riserva Ferrari per il 2022

Schumacher affiancherà Giovinazzi come pilota di riserva
Mick Schumacher

Il pilota della Haas, Mick Schumacher, condividerà il ruolo di pilota di riserva alla Ferrari la prossima stagione insieme ad Antonio Giovinazzi. Il tedesco, appartenente alla Ferrari Driver Academy, non ha avuto modo di fare colpo nella sua stagione d’esordio, principalmente per il fatto che guidava una vettura vecchia di due anni, tuttavia, ha regolarmente tenuto dietro il compagno di squadra Nikita Mazepin.

Chiaramente desiderosa di vederlo su auto migliori nel 2022, coprendosi nel caso in cui uno dei suoi piloti ufficiali, Carlos Sainz o Charles Leclerc, non fosse disponibile, la Ferrari ha Schumacher come pilota di riserva insieme all’ex pilota dell’Alfa Romeo, Giovinazzi.

Mick Schumacher condividerà il ruolo con Giovinazzi

Il pilota tedesco sarà in attesa per la casa di Maranello per 11 gare, mentre Giovinazzi sarà in servizio per le restanti 12. “Il motivo per cui abbiamo una Ferrari Driver Academy è identificare chi può essere il pilota Ferrari per il futuro“, ha detto il Team Principal Mattia Binotto, “se stai andando bene, senza dubbio potresti avere un’opportunità“.

Sarà la sua seconda stagione l’anno prossimo, è un pilota Ferrari, proveniente dall’Academy“, ha continuato Binotto. “Sono molto felice che possa far parte della squadra come pilota di riserva ogni volta che sarà necessario, ma spero di no. Penso che Mick abbia fatto bene durante la stagione“, ha detto l’italiano. “Si è migliorato, non solo in termini di consistenza, ma anche in termini di velocità. Se guardo alle ultime gare, era molto più vicino alle vetture davanti, mentre Haas non ha sviluppato affatto la macchina. Quindi il fatto che fosse più vicino è ha dimostrato di avere un buon miglioramento“.

Rivelando che Giovinazzi sarà a disposizione di entrambi i team clienti, Haas e Alfa Romeo, qualora uno dei loro piloti si rendesse disponibile, Binotto ha ammesso che in vista della revisione delle regole della prossima stagione era importante che la Ferrari avesse a disposizione un pilota con esperienza sulle nuove auto. “Quelle vetture saranno molto diverse da quella attuale per lo stile di guida“, ha ammesso, “e penso che sarà importante avere un pilota che conosca quelle vetture come pilota di riserva. Posso ancora contare su Antonio perché è un buon pilota“, ha aggiunto, “ha dimostrato di essere un buon pilota. Antonio avrà un programma completo di simulatore per aggiornarlo sullo stile di guida del 2022“.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share