Leclerc:
Leclerc: "Non ci sono stati flashback a Spa"

Charles Leclerc insiste che le sue quasi-mancate vittorie precedenti in Bahrein e in Austria non gli sono tornate in mente durante le fasi conclusive del Gran Premio del Belgio di Formula 1 dello scorso fine settimana. Leclerc ha segnato la sua prima vittoria in Formula 1 e la prima vittoria della Ferrari della stagione 2019 a Spa, dopo aver controllato la gara dalla pole position e respinto un attacco dal leader del campionato Lewis Hamilton.

Il monegasco in precedenza si era avvicinato alla sua prima vittoria in F1 in Bahrain, ma ha visto le sue speranze infrante da un crudele problema del motore verso le fasi finali, mentre ha guidato gran parte del Gran Premio d’Austria, solo che Max Verstappen della Red Bull lo ha superato proprio negli ultimi giri.

Le parole di Leclerc

Quello che è successo in Bahrain non è mai stato nella mia mente durante la gara“, ha detto Leclerc. “Certo, l’Austria era un po’ diversa perché Verstappen stava recuperando molto rapidamente e ho sentito che Lewis aveva un po’ più di ritmo rispetto a noi, specialmente nel secondo settore. Mi sentivo molto fiducioso sulla Soft, ma sulla Medium Mercedes ha accelerato e quindi è stato un po’ più difficile per noi. Ovviamente non ho fatto nulla sull’Austria, ma ho potuto sentire il mio ingegnere che mi diceva le lacune ad ogni giro e il divario stava riducendo ad ogni giro. Stavo cercando di concentrarmi sul lavoro, curare l’equilibrio della macchina e abbiamo avuto alcuni problemi con le gomme posteriori e stavo cercando di aiutare le ruote posteriori ad essere il più veloci possibile e arrivare prima e questo è quello che abbiamo fatto“.

Nonostante Hamilton sia in grado di ridurre un deficit di sette secondi a uno dall’ultimo giro della gara di domenica, Leclerc ha dichiarato di non essere “più nervoso” poiché sentiva tutto sotto controllo, sapendo che il pilota Mercedes era troppo indietro per sfidarlo realisticamente.

Nella posizione in cui mi trovavo, mi stavo solo concentrando per cercare di tenere Lewis il più lontano possibile da me“, ha spiegato. “E poi, ovviamente, se c’è stato un sorpasso, raramente ci pensi prima, provi e gestisci una volta che succede. Mi stavo concentrando, come ho già detto, sulle mie cose. Cercando di risolvere un po’ i problemi di equilibrio che abbiamo avuto. Ho avuto un sacco di degrado sulle gomme posteriori. Stavo lottando con quello, quindi ero pienamente su quello per cercare di guadagnare un po’ di ritmo.

Non ero più nervoso“, ha aggiunto. “Ho iniziato ad abituarmi a trovarmi in quella situazione in cui sono il primo e sono inseguito da qualcuno che è più veloce. Ovviamente sapevo che era Lewis e sapevo che non potevo permettermi di fare errori perché ne avrebbe approfittato. Ma sì, a parte l’ultimo giro, non è mai stato abbastanza vicino per provare qualcosa. Stavo solo cercando di concentrarmi sul mio lavoro e finire la gara”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here